Chiusura partita Iva: il problema delle fatture non incassate

Se un professionista ha già chiuso la partita Iva sulle prestazioni incassate dopo cessazione dell'attività deve pagare l’Iva? Il parere delle Sezioni Unite

di , pubblicato il
Se un professionista ha già chiuso la partita Iva sulle prestazioni incassate dopo cessazione dell'attività deve pagare l’Iva? Il parere delle Sezioni Unite

Se un professionista che ha già chiuso la partita Iva incassa una fattura vecchia che era rimasta in sospeso, la cifra è assoggettata ad Iva ai fini fiscali? Sul caso di specie (Cassazione, sesta sezione civile, ordinanza 24432), sono chiamate ad esprimersi le Sezioni unite. La fattispecie riguardava il caso di un architetto che aveva cessato l’attività ne 1997.

Nel 2002 aveva però riscosso compensi per prestazioni svolte in passato (prima della chiusura della partita Iva): l’amministrazione riteneva che le somme dovessero essere assoggettate a Iva mentre l’architetto opponeva che, trattandosi propriamente di “redditi diversi”, l’imposta sul valore aggiunto non fosse ormai dovuta. Le commissioni provinciale e regionale hanno dato ragione a quest’ultimo e hanno dunque annullato l’atto impositivo. Contro il giudizio di appello si è esposta l’Agenzia delle Entrate che ha ribadito il principio per cui la cessazione dell’attività professionale non esclude la regolare fatturazione delle somme incassate che, essendo imponibili dal momento della loro maturazione, restano assoggettabili ad Iva in quanto inerenti all’attività esercitata prima della chiusura della partita Iva. In mancanza di precedenti giurisprudenziali della Suprema Corte sull’argomento spinoso occorre fare necessariamente riferimento alla prassi dell’amministrazione. Da questa prospettiva si deduce che l’attività del professionista, ai fini Iva, non si può considerare cessata fino alla definizione di tutti i rapporti giuridici pendenti. A rilevare quindi non è il momento in cui il lavoratore termina l’esecuzione di tutte le prestazioni professionali, ma quello, temporalmente successivo, in cui chiude i rapporti suddetti. Le alternative che gli si pongono sono quindi anticipare la fatturazione, rispetto alla riscossione

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: