Cessione di dentifrici, è possibile applicare l’iva agevolata al 10%?

Tra i beni soggetti all'aliquota IVA del 10 per cento rientrano i dispositivi medici a base di sostanze, normalmente utilizzate per cure mediche, per la prevenzione delle malattie e per trattamenti medici e veterinari, classificabili nella voce 3004.

di , pubblicato il
Tra i beni soggetti all'aliquota IVA del 10 per cento rientrano i dispositivi medici a base di sostanze, normalmente utilizzate per cure mediche, per la prevenzione delle malattie e per trattamenti medici e veterinari, classificabili nella voce 3004.

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n 335 del 10 settembre 2020: “Istanza di interpello articolo 11, comma 1, lett.a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Aliquota IVA dispositivi medici ex articolo 1, comma 3, legge 30 dicembre 2018, n. 145 (legge di bilancio 2019)”, fornisce utili chiarimenti in merito all’applicazione dell’Iva agevolata al 10% per alcuni prodotti medici.

Il quesito del contribuente

L’istante, una società di commercio all’ingrosso di prodotti farmaceutici inclusi, tra gli altri, dentifrici venduti come dispositivi medici, premette che la Legge di Bilancio per il 2019 ha esteso l’ambito di applicazione dell’aliquota IVA ridotta al 10 per cento, precedentemente applicabile esclusivamente a determinati medicinali per l’uso umano e veterinario, includendovi i dispositivi medici a base di sostanze classificabili alla voce “3004” della Nomenclatura Combinata.

La società istante desidera conoscere la corretta aliquota IVA applicabile alla vendita dei suoi dentifrici commercializzati come dispositivi medici.

Al riguardo, la stessa ha ottenuto dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli i pareri di accertamento tecnico, in base ai quali i prodotti devono essere classificati alla voce 3306 (“Preparazioni per l’igiene della bocca o dei denti, comprese le polveri e le creme per facilitare l’adesione delle dentiere; fili utilizzati per pulire gli spazi fra i denti (fili interdentali), in imballaggi singoli per la vendita al minuto”).

Risposta dell’Agenzia delle Entrate

Tra i beni soggetti all’aliquota IVA del 10 per cento, spiega l’ADE, rientrano “i dispositivi medici a base di sostanze, normalmente utilizzate per cure mediche, per la prevenzione delle malattie e per trattamenti medici e veterinari, classificabili nella voce 3004”.

Il suddetto parere tecnico, fornito dall’agenzia delle dogane, ha incluso i prodotti commercializzati dall’istante nella voce 3306 e non in quella 3004.

Per questo motivo le cessioni dei prodotti commercializzati dall’istante saranno soggette ad aliquota ordinaria.

Articoli correlati

Che cosa posso detrarre comprando con la mia partita iva?

Fatture elettroniche regolari ma non consegnate: le regole per detrarre l’Iva

Argomenti: ,