Cessione del Bonus Vacanza per le strutture alberghiere, nuovo accordo tra ABI e Confindustria Alberghi

ABI e Confindustria Alberghi siglano il protocollo a supporto delle imprese per cercare di favorire la diffusione del Bonus Vacanze.

di , pubblicato il
ABI e Confindustria Alberghi siglano il protocollo a supporto delle imprese per cercare di favorire la diffusione del Bonus Vacanze.

A partire dal primo luglio 2020 è operativo il Bonus Vacanze, istituito dal Decreto-legge “Rilancio”.

ABI e Confindustria Alberghi hanno stipulato un protocollo di intesa in materia di “Bonus vacanze” per favorire l’efficientamento dei processi di gestione del credito fiscale e quindi facilitare l’operatività la diffusione di questo strumento. Vediamo meglio di cosa si tratta.

 

Leggi anche: “Bonus vacanza per ombrellone e servizi in spiaggia: ecco quando si può spendere e chiarimenti Agenzia delle Entrate”.

 

Bonus Vacanza

L’articolo 176 del Dl 19 maggio 2020, n. 34 (decreto rilancio) ha previsto, per i nuclei familiari con un reddito ISEE non superiore a 40.000 euro, un credito da utilizzare, dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, per il pagamento dei servizi offerti in ambito nazionale da imprese turistico ricettive, agriturismi e bed&breakfast, il cosiddetto bonus vacanze.

Il bonus spetta nella misura massima di:

  • 500 euro per ogni nucleo familiare composto da più di due persone;
  • 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone;
  • 150 euro per i nuclei familiari composti da una sola persona.

Questo incentivo è usufruibile:

  • Per l’80% come sconto sul corrispettivo dovuto al fornitore del servizio;
  • Per il restante 20% come detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi della famiglia.

Lo sconto dell’80% sarà rimborsato al fornitore del servizio sotto forma di credito di imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione. Il credito d’imposta è cedibile a terzi, anche a banche o intermediari finanziari.

 

Accordo tra ABI e Confindustria Alberghi

L’Agenzia delle Entrate, il 17 giugno 2020, ha emanato il provvedimento attuativo del “Bonus vacanze” che disciplina le modalità per l’utilizzo del credito d’imposta da parte dell’impresa turistico ricettiva e l’eventuale cessione del credito, anche alle banche.

ABI e Confindustria Alberghi, per mezzo di un recente comunicato stampa, rendono noto che, le stesse, “intendono favorire iniziative e accordi volti all’efficientamento dei processi in particolare per quanto riguarda la cessione dei crediti e la rapida messa a disposizione di risorse liquide per le imprese”.

Dichiara Giovanni Sabatini, Direttore generale dell’ABI: “il protocollo che abbiamo firmato con Confindustria Alberghi è una ulteriore iniziativa del mondo bancario a supporto della ripresa del nostro Paese che si affianca alle altre numerose iniziative che in questi mesi sono state attivate dall’Associazione Bancaria e dalle singole banche per contrastare gli effetti economici della diffusione del COVID19”.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Argomenti: ,