Cartelle esattoriali: l’Agenzia delle Entrate le sospende per le festività

Ebbene si, anche il fisco va in vacanza e, attraverso una nota, comunica ai contribuenti la sospensione di 322 mila cartelle esattoriali.

di , pubblicato il
Ebbene si, anche il fisco va in vacanza e, attraverso una nota, comunica ai contribuenti la sospensione di 322 mila cartelle esattoriali.

Un’iniziativa volta a far riavvicinare fisco e contribuenti, siano essi persone fisiche o soggetti con partite iva, dai professionisti alle società di capitali.

Insomma, un fisco amico, voluto da tutti i governi ma mai realizzato fino infondo.

Sicuramente la sospensione delle cartelle esattoriali, per qualche settimana, non è cosa poi così rilevante, ma di certo potrebbe rappresentare un piccolo passo in avanti nel tentativo di un avvicinamento tra contribuenti e amministrazione finanziaria.

322 mila cartelle congelate fino alla befana

Nel comunicato rilasciato qualche giorno fa dalla stessa Agenzia delle Entrate si può leggere, sostanzialmente, che l’attività di notifica delle cartelle esattoriali viene sospesa per il periodo che va dal 24 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020, questo allo scopo: “di evitare disagi ai contribuenti in questo periodo particolare dell’anno. Nelle due settimane tra Natale e l’Epifania era previsto l’invio di circa 322 mila atti della riscossione che resteranno invece sospesi ad eccezione di quelli inderogabili (circa 17 mila) che dovranno essere comunque notificati, in buona parte tramite posta elettronica certificata”.

Potrebbe anche interessarti:

 

Argomenti: , ,