Carta Rei: il Reddito di Inclusione sarà più facile da ottenere

Rei: nuovo modulo e requisiti aggiornati. Ottenerlo diventa più facile. Ecco nel dettaglio che cosa è cambiato.

di , pubblicato il
redito inclusione

Il Rei (Reddito di Inclusione), come molti ben sanno, è una misura di contrasto alla povertà. Il progetto riconosce a chi ne ha diritto un contributo economico variabile in base al numero di componenti del nucleo familiare. L’assegno Rei viene erogato per un periodo massimo di 18 mesi e va in ogni caso da un minimo di 187 euro per nuclei uni personali a 485,40 euro per le famiglie da 5 componenti in su.

Per ottenere il sussidio però il beneficiario deve impegnarsi a prendere parte ad un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e professionale, da qui appunto discende il nome della misura.

Carta Rei: cosa cambia nei requisiti ed erogazioni a luglio

E’ stato eliminato il requisito della composizione del nucleo familiare per avere diritto al Rei in modo da garantire l’erogazione del sussidio in maniera più facile a luglio. Ecco dunque che cosa è cambiato per la domanda Rei e quali requisiti restano invece validi: non sara’ piu’ necessario avere minori a carico o una persona con disabilita’ e un suo genitore o tutore o essere in stato di gravidanza da almeno 5 mesi o ancora essere un disoccupato di eta’ minima di 55 anni; sara’ sufficiente possedere solamente i requisiti di residenza e cittadinanza ed i requisiti economici fissati per la misura, ovvero un reddito ISEE  non superiore a 6 mila euro, un valore ISRE (l’indicatore reddituale dell’ISEE, ossia l’ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3 mila euro, un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa in cui si vive, non superiore a 20 mila euro, un valore del patrimonio mobiliare (costituito ad esempio depositi, conti correnti) non superiore a 10 mila euro (si scende però a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola). Per accedere alla misura resta inoltre requisito necessario che nessun componente del nucleo familiare percepisca NASPI o altro ammortizzatore sociale previsto per la disoccupazione involontaria.

Modulo per la carta Rei e iter di attivazione presso le Poste

Cosa dovrà fare chi ha diritto al Rei per ottenere la carta? Bisogna semplicemente compilare il modulo e presentarlo al Comune di residenza.

Sarà l’Inps a comunicare i dati alle Poste Italiane per dare avvio al procedimento. Le Poste dunque notificheranno al richiedente l’invito a presentarsi presso l’ufficio postale più vicino abilitato per il ritiro della Carta Rei. In un secondo momento si riceverà a casa, in busta chiusa e separatamente dalla carta Rei quindi, il pin per usarla.

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.