Canone Rai speciale, arrivano le lettere alle imprese e partite Iva

A migliaia le lettere con le richieste di pagamento del canone Rai speciale. Sale la protesta, ma la Rai si difende

di , pubblicato il
A migliaia le lettere con le richieste di pagamento del canone Rai speciale. Sale la protesta, ma la Rai si difende

Al via le ingiunzioni di pagamento del canone rai speciale per aziende e partite Iva.  Le lettere di richiesta del canone Rai speciale sono arrivate ad  artigiani, commercianti, partite Iva e scoppia la polemica.  Canone Rai speciale: chi paga Il canone rai speciale è la tassa sul possesso della televisione a carico di chi detiene uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare, o che li impiegano a scopo di lucro diretto o indiretto. Con nota del 22 febbraio 2012 il Ministero dello Sviluppo Economico-Dipartimento per le Comunicazioni ha precisato cosa debba intendersi per “apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni” ai fini dell’insorgere dell’obbligo di pagare il canone radiotelevisivo ai sensi della normativa vigente (RDL 246/1938). In sintesi, debbono ritenersi assoggettabili a canone tutte le apparecchiature munite di sintonizzatore per la ricezione del segnale (terrestre o satellitare) di radiodiffusione dall’antenna radiotelevisiva. Ne consegue ad esempio che di per sé i personal computer, anche collegati in rete (digital signage o simili), se consentono l’ascolto e/o la visione dei programmi radiotelevisivi via Internet e non attraverso la ricezione del segnale terrestre o satellitare, non sono assoggettabili a canone.  Per contro, un apparecchio originariamente munito di sintonizzatore -come tipicamente un televisore- rimane soggetto a canone anche se successivamente privato del sintonizzatore stesso (ad esempio perché lo si intende utilizzare solo per la visione di DVD).  Lettere pagamento canone rai In questi giorni, artigiani, commercianti, partite Iva stanno ricevendo le lettere di richiesta del pagamento del canone Tv speciale e dovranno anche giustificare il mancato pagamento spiegando che i computer presenti sul luogo di lavoro sono utilizzati solo a scopo lavorativo e che non sono presenti televisioni nei locali.  La difesa della Rai A difendere il canone rai speciale, il consigliere Rai Antonio Verro che spiega come il canone speciale “esiste per legge ed è, infatti, la legge che consente alla Rai” di chiedere ora alle aziende iscritte alle Camere di Commercio il versamento del 2014.

“La polemica di questi giorni è una vecchia storia, ma il punto è che finora la Rai è stata timida ed ora invece non più. La legge – sottolinea Verro – dice che il canone è una tassa di possesso e lo devono pagare tutti quelli che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive” fuori dall’ambito familiare nell’esercizio di un’attività commerciale e a scopo di lucro diretto o indiretto: per esempio alberghi, bar, ristoranti, uffici. Insomma per il consigliere la Rai “sta facendo solo quello che le compete. Detto, questo, però si parla di lotta all’evasione e di rivisitazione del canone ed io penso che entro l’anno il governo ci debba mettere il naso, dando certezza sulle risorse dell’anno prossimo“.  

Argomenti: ,