Canone RAI 2022, le esenzioni del 2021 non valgono più: ecco come aggiornarle

Tutti i soggetti che hanno diritto all’esenzione del canone rai devono necessariamente ripresentare l’apposita domanda anche per il 2022.

di , pubblicato il
Canone RAI sulla seconda casa, cosa cambia se viene tolto dalla bolletta

Dal 2023 il canone rai sarà eliminato dalla bolletta elettrica.

Seppur questa soluzione ha consentito di porre un freno al fenomeno dei furbetti del Canone Rai, il neo-esecutivo guidato da Mario Draghi si è impegnato verso l’Europa, all’interno del cosiddetto Piano nazionale di ripresa e resilienza, ad eliminarlo dalle bollette della luce. Il motivo è semplice: si tratta di un onere improprio, cioè non riferibile al consumo di energia elettrica.

Ad ogni modo, per quest’anno nulla è cambiato, nemmeno per quanto riguarda le esenzioni, che dovranno essere nuovamente comunicate. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Esenzione e dichiarazione da presentare

In casi particolari il contribuente può presentare una dichiarazione sostitutiva per evitare l’addebito del canone nella fattura elettrica o per comunicare di aver diritto all’esenzione dal pagamento del canone.

“I titolari di un’utenza elettrica per uso domestico residenziale, si legge sul sito dell’Agenzia delle entrate, per evitare l’addebito del canone TV in bolletta, possono dichiarare che in nessuna delle abitazioni dove è attivata l’utenza elettrica a loro intestata è presente un apparecchio tv sia proprio che di un componente della loro famiglia anagrafica, presentando la dichiarazione sostitutiva con l’apposito modello“.

Come e quando presentare la domanda di esenzione

Tutti i soggetti che hanno diritto all’esenzione del canone rai devono necessariamente ripresentare l’apposita domanda anche per il 2022, altrimenti se lo ritroveranno nuovamente in bolletta.

Il modello di dichiarazione sostitutiva va presentato direttamente dal contribuente tramite l’applicazione web sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. In alternativa è possibile inviarlo tramite raccomandata senza busta, all’indirizzo: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.

La dichiarazione presentata entro il 31 gennaio esonera dall’obbligo del pagamento per l’intero anno.

Se la stessa, invece, viene inviata tra il 1° febbraio e il 30 giugno, si è esonerati soltanto dall’obbligo di pagamento per il secondo semestre dello stesso anno.

 

Articoli correlati

Argomenti: ,