Canone RAI 2019: esenzione per ultra 75enni, moduli e istruzioni per fare domanda

Canone RAI 2019: esenzione per ultra 75enni, moduli e istruzioni per fare domanda con documenti d'allegare (guida completa).

di , pubblicato il
Canone Rai esenzione

Come richiedere l’esenzione del Canone Rai nel 2019, abbiamo redatto questa guida completa con moduli e istruzioni in risposta al quesito di una nostra lettrice:

Mi rivolgo a lei per conto di mia mamma, la quale è sola nello stato di famiglia, novantenne, invalida al 100% con erogazione dell’assegno di accompagnamento. Il reddito ISEE valido dal 06/03/2019 al 31/12/2019 è di € 7.632,67. Ci sono le condizioni per chiedere l’esonero dal canone Rai e se si come devo fare.

Ringraziandola anticipatamente, porgo cordiali saluti.

In risposta al nostro lettore: SI, lei può chiedere l’esenzione. Inoltre, se questo reddito era percepito anche nel 2018 può chiedere il rimborso. In questa guida le indicherò come fare domanda per il 2019 e come chiedere eventuale rimborso per gli anni precedenti.

Canone Rai 2019: i beneficiari

L’Agenzia delle Entrate specifica che hanno diritto all’esenzione del Canone RAI nel 2019 tutti i cittadini che hanno compiuto 75 anni, con un reddito annuo non superiore a 8.000 a partire dalle richieste effettuate dal 2018 con i redditi del 2017. Le richieste fino all’anno 2017, il tetto massimo per poter richiedere l’esenzione era  6.713,98 euro. I contribuenti che si trovano in questa situazione, possono presentare una dichiarazione sostitutiva con cui attestano il possesso dei requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV, mediante la compilazione della sezione I del modello di dichiarazione sostitutiva, che di seguito allegherò.

L’agevolazione spetta per l’intero anno se il compimento del 75° anno è avvenuto entro il 31 gennaio dell’anno stesso. Se il compimento del 75° anno è avvenuto dal 1° febbraio al 31 luglio dell’anno, l’agevolazione spetta per il secondo semestre.

Canone RAI 2019: la domanda vale per sempre

L’agevolazione compete se nell’abitazione di residenza si possiedono uno o più apparecchi televisivi, mentre non compete nel caso in cui l’apparecchio televisivo sia ubicato in luogo diverso da quello di residenza.

I contribuenti che presentano la domanda, non devono rifarla ogni anno in quanto vale per sempre se permangono le condizioni. Se, invece, si perdono i requisiti attestati in una precedente dichiarazione sostitutiva, ad esempio perché si supera il limite di reddito previsto, è necessario presentare la dichiarazione di variazione dei presupposti (compilazione della sezione II del modello di dichiarazione sostitutiva).

Modello dichiarazione per esenzione del canone RAI 2019

Il modello di dichiarazione sostitutiva per gli over 75enni è scaricabile qui: Modello Canone RAI  over 75enni

L’Agenzia inoltre, chiarisce che i cittadini che hanno pagato il canone RAI, pur essendo in possesso dei requisiti previsti dalla legge, possono chiederne il rimborso mediante il modello per la richiesta di rimborso che contiene anche la dichiarazione sostitutiva attestante la sussistenza delle condizioni e dei requisiti che danno diritto all’esenzione.

In alternativa, se il canone non dovuto è stato versato mediante la bolletta elettrica, è possibile richiedere il rimborso, dopo aver presentato la dichiarazione sostitutiva che attesta il possesso dei requisiti, utilizzando questo specifico modello: informativa+modello.

Questo modello può essere trasmesso anche on line – indicando la causale 1.

È possibile scaricare qui le istruzioni dei moduli da compilare:

Canone+tv+over+75_esenz_istr

Canone+tv+over+75_Richiesta+rimborso_istr

Dove inviare la domanda di esenzione Canone RAI 2019 ed eventuale rimborso

Si ricorda che la dichiarazione sostitutiva e la richiesta di rimborso possono:

  • essere spedite a mezzo del servizio postale in plico raccomandato, senza busta, al seguente indirizzo Agenzia delle entrate – Ufficio di Torino 1 – Sportello Abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino (in tal caso va allegata copia di un valido documento di riconoscimento);
  • essere trasmesse, firmate digitalmente, tramite posta elettronica certificata all’indirizzo  [email protected]
  • essere consegnate dall’interessato presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate.

Canone RAI 2019 versato in bolletta, ecco cosa fare

L’Agenzia avvisa i contribuenti che versano il canone attraverso le fatture per la fornitura di energia elettrica, che i tempi tecnici per evasione della domanda sono lunghi, precisa che le richieste inviate entro il 15 del mese l’addebito del canone in bolletta sarà ordinariamente interrotto già a partire dalla rata relativa al mese successivo a quello di invio della richiesta.

Per le dichiarazioni sostitutive inviate nella seconda metà del mese l’addebito del canone in bolletta sarà invece interrotto a partire dalla rata relativa al secondo mese successivo a quello di invio della richiesta.

E’ sempre possibile effettuare il pagamento parziale della fattura per la fornitura di energia elettrica, scorporando eventuali rate di canone TV non dovute a seguito della presentazione della dichiarazione sostitutiva.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,