Canone Rai 2018, chi ha diritto all’esenzione, le nuove disposizioni

Canone RAI 2018, posso fare richiesta di esenzione, ho 55 anni e un reddito ISEE basso | La Redazione risponde.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Canone RAI 2018, posso fare richiesta di esenzione, ho 55 anni e un reddito ISEE basso | La Redazione risponde.

Canone Rai 2018, il quesito di una nostra lettrice:

Buongiorno, chiedo gentilmente chiarezza sulle info per l’esenzione Canone Rai. Chi non ha reddito e percepisce solo pensione d’invalidita’ €289.90 età 55 anni, mononucleo, con Isee pari a “zero”, può fare richiesta di esenzione canone Rai? Nel caso di risposta affermativa qual’è la modulistica, quali i termini di presentazione e soprattutto dove presentarli.

Ringrazio per l’attenzione. Rimango in attesa di riscontro. Distinti saluti.

Vediamo quando è possibile fare richiesta di esenzione del canone Rai per il 2018, in riferimento alle ultime disposizioni dell’Agenzia delle Entrate.

Esenzione Canone RAI 2018

I cittadini che hanno compiuto 75 anni, con un reddito annuo non superiore a 6.713 euro, per essere esonerati dal pagamento del canone TV possono rivolgersi agli uffici dell’Agenzia per presentare una dichiarazione sostitutiva di richiesta di esenzione.

La richiesta, accompagnata da un documento di identità valido, deve essere compilata sull’apposito modello.

Chi fruisce dell’esenzione per la prima volta deve presentare la richiesta entro il 30 aprile, per coloro che intendono, invece, beneficiarne a partire dal secondo semestre, la scadenza è fissata al 31 luglio.

Per continuare ad avvalersi dell’agevolazione negli anni successivi se le condizioni di esenzione permangono, non è necessario presentare ulteriori dichiarazioni. Se, invece, negli anni successivi alla presentazione della dichiarazione si perde il possesso dei requisiti per beneficiare della esenzione, è necessario versare il canone.

Chi, infine, nel corso dell’anno attiva per la prima volta un abbonamento al servizio radiotelevisivo, deve inviare la richiesta di esenzione entro 60 giorni dalla data in cui sorge l’obbligo di pagare il canone.

Coloro che, in presenza dei requisiti previsti, hanno pagato il canone possono chiederne il rimborso tramite il modello disponibile anche presso gli uffici dell’Agenzia, accompagnato dalla dichiarazione sostitutiva che attesta il possesso dei requisiti.

Canone RAI e limiti di reddito

Il limite di reddito di 6.713,98 euro per poter beneficiare dell’esenzione è quello attualmente previsto dalla legge. Pertanto, ai fini dell’esenzione del pagamento del canone TV, deve essere utilizzato il modello di dichiarazione sostitutiva presente in questa pagina.

Secondo quanto previsto dalla legge di stabilità 2016, l’aumento del limite di reddito per poter beneficiare dell’esenzione potrà essere disposto in futuro con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze destinando a tal fine una quota delle eventuali maggiori entrate versate a titolo di canone di abbonamento rispetto al bilancio di previsione 2016. Solo a seguito dell’emanazione del decreto potrà essere predisposto un nuovo modello.

Si ricorda che la dichiarazione sostitutiva di esonero e l’istanza di rimborso dal pagamento del canone TV possono:

  • essere spedite per raccomandata, senza busta, al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 Sat – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 – Torino;
  • essere consegnate dall’interessato presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate.

L’esenzione può essere richiesta solo nel caso sopra evidenziato, quindi anche se si ha un reddito basso, non si ha diritto all’esenzione del canone RAI.

Fonte: Agenzia delle Entrate

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News Fisco, Esenzione Canone Rai