Cancellazione ipoteca Equitalia: ecco il modulo da presentare

Cancellazione ipoteca Equitalia per debiti sotto gli 8mila euro secondo una recente sentenza della Cassazione.

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Cancellazione ipoteca Equitalia per debiti sotto gli 8mila euro secondo una recente sentenza della Cassazione.
Cancellazione ipoteca per debiti sotto gli 8mila euro. Ecco il modulo per la richiesta

 Cancellazione ipoteca Equitalia per debiti sotto gli 8mila euro. E’ questo il principio di diritto molto importante che emerge da una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione , la n. 5771 del 12 aprile 2012 e, come volevasi dimostrare, finora la società di riscossione ha fatto orecchie da mercante alle richieste dei contribuenti di cancellare l’ipoteca iscritta per debiti sotto l’importo previsto in precedenza, visto che ora il decreto fiscale aumenta a 20mila euro la soglia per cui di vieta l’iscrizione di ipoteca.

Cancellazione ipoteca Equitalia: la sentenza della Cassazione

Volendo fare il punto della situazione, si rammenta che una recente sentenza della Corte di Cassazione, pronunciata a Sezioni Unite, la n. 5771 del 12 aprile 2012, ha ritenuto illegittime le iscrizioni di ipoteche Equitalia, per importi inferiori al limite previsto per legge, ossia di 8000 euro che con il recente decreto fiscale, il DL 16/2012 convertito in legge n. 44/2012 è passato a 20mila euro. La soglia precedente di 8000 euro era stata prevista dal decreto legge n. 40 del 2010 e da questo  è nata la questione sulla possibilità di mantenere le ipoteche Equitalia iscritte prima del l’entrata in vigore del decreto in questione. A risolvere “sulla carta” la questione è stata una pronuncia della Cassazione, che  ha affermato la possibilità di cancellare le ipoteche Equitalia sotto gli 8mila euro, chiarendo che il divieto di iscrivere ipoteca per i crediti vantati dal Fisco di importo inferiore a 8.000 euro, deve intendersi applicabile anche in via retroattiva alle ipoteche iscritte precedentemente all’entrata in vigore del d.l. 40/2010.

Cancellare ipoteca Equitalia sotto 8mila euro? Divieto valevole anche per il passato

 Quindi secondo le Sezioni unite della Cassazione, il divieto di procedere alle iscrizioni di ipoteche per debiti inferiori a 8.000 euro, in virtù del combinato disposto degli articoli 76 e 77 del D.P.R. n. 602/1973, vale anche per il passato.

Cancellare ipoteca Equitalia: un dovere da compiere

Questa pronuncia della Cassazione rende palese l’illegittimità di qualsiasi ipoteca iscritta per debiti inferiori a 8mila euro, ed obbliga Equitalia ad operare le cancellazioni richieste dai cittadini.Perciò sono i cittadini che devono richiedere la cancellazione e l’Amministrazione finanziaria deve dare peso a tali richieste. 

Di seguito potete trovare proprio il modulo da compilare per richiedere a Equitalia di cancellare le ipoteche iscritte per debiti sotto gli 8mila euro.

–   Istanza di cancellazione ipoteca Equitalia      

 

 Cancellazione ipoteca sotto i 20mila euro

Detto ciò, appare utile ricordare, sempre in relazione alle ipoteche Equitalia, che il recente decreto fiscale n. 16/2012 convertito in legge n. 44, ha previsto che l’agente della riscossione possa procedere all’espropriazione immobiliare se l’importo complessivo del credito per cui si procede, supera complessivamente ventimila euro. Quindi in sostanza si afferma che le ipoteche Equitalia e gli espropri immobiliari sono ammessi solo per debiti oltre i 20 mila euro. Cancellazione ipoteca equitalia sotto gli 8mila euro potrebbe inserirsi nell’insieme di facilitazioni per imprese e contribuenti introdotte dal decreto fiscale del governo Monti che prevede, tra l’altro, la necessità di informare il contribuente in forma preventiva dell’intenzione di procedere a ipoteca, assicurando così la tutela piena dei contribuenti.

 

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti anche:

Equitalia: divieto di ipoteca su immobili sotto gli 8.000 euro

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ricorsi e Contenziosi