Buste arancioni in arrivo ad aprile 2016: ecco quante e chi le riceverà

Boeri conferma che ad aprile 2016 saranno inviate altre buste arancioni: ecco quante e chi sta per riceverle

di , pubblicato il
Boeri conferma che ad aprile 2016 saranno inviate altre buste arancioni: ecco quante e chi sta per riceverle

Prosegue l’operazione buste arancioni: da aprile 2016 partirà l’invio di nuove lettere da parte dell’Inps per il calcolo previsionale degli assegni futuri. Boeri ha spiegato come si procederà e perché le buste arancioni sono così importanti.

Buste arancioni 2016: calcolo pensione e spid

Le buste arancioni che l’Inps sta per inviare conterranno le istruzioni per il calcolo della pensione futura e l’invito per i contribuenti non digitalizzati, a munirsi di spid, il pin unico per l’accesso ai servizi online.

L’obiettivo primario dell’operazione resta quello di rendere i contribuenti consapevoli della corresponsione tra contributi versati e assegno previdenziale. L’Inps vuole impostare un rapporto di trasparenza, come ha ribadito lo stesso Boeri.

Buste arancioni pensioni: tutto quello che c’è da sapere

[tweet_box design=”box_02″ float=”none”]Se i contributi vengono percepiti come risparmio forzoso invece che come tasse, allora diventano parte del nostro pacchetto retributivo[/tweet_box]

Flessibilità in uscita: la riforma non può essere rimandata

Da ultimo Boeri ha ribadito la sua posizione sulla flessibilità in uscita sottolineando l’urgenza dell’intervento sul sistema pensionistico per introdurre la flessibilità in uscita “se si facesse con la legge di Stabilità 2017 andrebbe certamente bene, ma non andrebbe bene intervenire tra tre anni”.

Spid: leggi la guida all’identità digitale

 

Argomenti: ,