Busta paga luglio 2020, come cambia veramente e per chi: bonus e aumenti confermati

Bonus Renzi e aumenti in busta paga: cosa cambierà da luglio 2020. Aggiornamenti sul cuneo fiscale.

di , pubblicato il
Bonus Renzi e aumenti in busta paga: cosa cambierà da luglio 2020. Aggiornamenti sul cuneo fiscale.

In queste ultime settimane a cavallo di fine anno si sono susseguite diverse voci relative a bonus e detrazioni 2020. Abbiamo anticipato più volte i possibili effetti sulla busta paga di luglio 2020. L’insieme di proposte ha creato però anche qualche confusione nei lettori che ci scrivono per sapere da fonti ufficiali in che modo cambierà la busta paga da luglio 2020 e se sono previsti effettivamente aumenti sullo stipendio concreti e sostanziali.

Prima di tutto premettiamo che non possono esserci ad oggi notizie ufficiali perché bisogna attendere il decreto sul cuneo fiscale tra fine gennaio e inizio febbraio. Tuttavia non dovrebbero esserci ripensamenti rispetto a quanto stabilito: dopo il confronto con le parti sociali, operazione di rito, la misura dovrebbe avere il via libera. In linea di massima quindi, e con le dovute precauzioni, possiamo analizzare i prossimi step rispondendo ai dubbi dei nostri lettori.

La misura debutterà appunto a luglio 2020: ma quali cambiamenti concreti comporterà? Chi ci guadagnerà di più? La copertura economica per la misura è di 3 miliardi nel 2020 e 5 miliardi nel 2021 (anche se l’esecutivo sarebbe a lavoro per recuperare un ulteriore miliardo da investire). Ma a chi andranno questi soldi? Chi ci guadagna dal cuneo fiscale?

Aumenti in busta paga per gli esclusi dal bonus Renzi: cosa cambia per i redditi fino a 35 mila euro

La volontà del governo appare essere quella di agevolare in primis i lavoratori esclusi dal bonus 80 euro, ossia quelli compresi tra i 26.600 e 35 mila euro. Si parla di 500 euro in più nel 2020, che diventeranno 1000 dal 2021. Il calcolo del bonus sarà però a scalare e non uguale per tutti coloro che rientrano in questa fascia di reddito: più ci si avvicina al tetto dei 35 mila e minore sarà l’importo del beneficio.

Il bonus Renzi diventa detrazione fiscale: per quali redditi

Altra novità che riguarda i redditi oltre una certa soglia (verosimilmente 15 mila euro l’anno) è la trasformazione del bonus Renzi in detrazione fiscale.

In ogni caso, anche chi guadagna meno di 26.600 euro annui avrà dei benefici in busta paga.

Secondo le prime stime l’aumento in questo caso era poco consistente ma i tecnici dell’Istituto Nazionale degli Esperti Contabili hanno fatto stime più ottimistiche: sotto i 20 mila euro si otterrebbero circa 20-30 euro in più al mese. A conti fatti, quindi, un lavoratore che guadagna 16.334 euro netti l’anno, avrebbe un beneficio di 240 euro l’anno.

Argomenti: ,