Bonus tv parte a rilento. Ecco i nuovi dati: reddito e scadenza

Sono da poco stati forniti i nuovi dati relativi al cosiddetto “Bonus Tv”. Ad oggi è stato erogato solo una minima parte di quanto stanziato. Vediamo tutti i dettagli.

di , pubblicato il
Sono da poco stati forniti i nuovi dati relativi al cosiddetto “Bonus Tv”. Ad oggi è stato erogato solo una minima parte di quanto stanziato. Vediamo tutti i dettagli.

Mirella Liuzzi, Sottosegretario al Ministero delle Sviluppo Economico, ha da poco reso noto i primi dati relativi al cosiddetto Bonus Tv, nonché le somme ad oggi, effettivamente erogate.

Il dato è decisamente basso ma, d’altra parte, il bonus tv sarà erogato fino al 2022, anno in cui ci sarà l’effettivo passaggio alle nuove frequenze tv (DVB – T2).

Bonus Tv. Di cosa si tratta?

Il “bonus tv” è un’agevolazione fiscale prevista dalla Legge di Bilancio 2020, per facilitare il passaggio ai nuovi dispositivi tv.

Si tratta di uno sconto pari a 50 euro, direttamente applicato dal rivenditore sul relativo prezzo di vendita del nuovo apparecchio.

Il rivenditore, in un secondo momento, potrà recuperare lo sconto praticato al cliente attraverso un credito d’imposta. Si legga: “Bonus tv: istituito il nuovo codice tributo”.

In ogni caso, il Bonus tv non è destinato a tutti i soggetti, ma solamente ai nuclei familiari con un SEE inferiori a 20 mila euro.

Il bonus sarà valido fino al 2022, anno in cui (esattamente tra il 21 e il 30 giugno 2022) il passaggio alle nuove frequenze sarà definitivamente effettuato in tutto il territorio nazionale. 

I primi dati ufficiali

Mirella Liuzzi, Sottosegretario al Ministero delle Sviluppo Economico, in una recente intervista al “Sole24ore” ha reso noti i primi dati relativi alle somme effettivamente erogate durante il primo mese di Bonus tv, precisamente dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020.

Secondo la sottosegretaria, durante questo primo mese, sono stati erogati solamente 15.963 contributi per l’acquisto di 14.061 televisori e di 1.902 decoder, per un importo pari a 791.000 euro, lo 0,5% dei 151 milioni di euro stanziati per questa finalità.

Ad ogni modo, come già detto, si tratta di un dato privo di significato ed è certamente prematuro parlare di flop del bonus, in quanto lo stesso, ricordiamolo, sarà erogato fino al 2022, ma nei limiti della somma stanziata.

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

Argomenti: ,