Bonus terme, uno sfregio agli onesti

Chiusa ormai la piattaforma di prenotazione bonus terme a causa di esaurimento delle risorse in poche ore. Che beffa per gli onesti

di , pubblicato il
Chiudere la partita IVA nel 2022 non sarà un autoGOL: ecco gli aiuti per tornare a lavorare

È bastata una sola giornata, anzi poche ore, per esaurire ben 53 milioni di euro stanziati per il bonus terme.

La piattaforma di prenotazione dei buoni si apriva la mattina dell’8 novembre 2021 e nel giro di poche ora tutti i voucher a disposizione erano finiti. Chi chiamava le strutture accreditate per prenotare arrivava già troppo tardi.

“Spiacenti tutto esaurito”.

Il buono era prenotabile dall’8 novembre 2021

La data dell’8 novembre 2021 non doveva rappresentare un click day ma un punto di partenza per le prenotazioni.

L’iter, infatti, prevede che da quella data gli italiani “maggiorenni ed ivi residenti” potessero rivolgersi alle strutture termali accreditate per chiedere il bonus. La struttura a sua volta prenotava i buoni sulla base di tali richieste e delle risorse disponibili.

Bonus terme: tutto esaurito

Ma se l’8 novembre non era un click day e se solo dopo poche ore dall’apertura della piattaforma di prenotazione delle risorse (da parte degli stabilimenti termali accreditati) le risorse erano tutte esaurite ciò può significare solo una cosa, ossia liste di prenotazioni create prima dell’apertura.

Questo ha reso inutili i tentativi di prenotazione per gli italiani che alla lettera hanno atteso la data indicata per contattare le strutture.

Chi oggi (a soli due giorni dall’8 novembre) vuole prenotare un bonus terme si sentirà dire

“Siamo spiacenti tutto esaurito”.

Sarebbe il caso di rifinanziare il beneficio, ma in questo caso con maggiori controlli e mettendo qualche paletto?

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,