Bonus strumenti musicali 2016: come fare le certificazioni

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare n. 15/2016 contenente chiarimenti e semplificazioni riguardante il bonus strumenti musicali.

di , pubblicato il
L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare n. 15/2016 contenente chiarimenti e semplificazioni riguardante il bonus strumenti musicali.

Per poter beneficiare del bonus strumenti musicali i conservatori di musica e gli istituti musicali pareggiati devono rilasciare agli studenti i certificati di frequenza per l’anno 2016 (art. 1 comma 984 legge 208/2015) per poter ottenere lo sconto sull’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi.

I certificati di frequenza devono essere esenti dall’imposta di bollo ai sensi dell’art. 5 comma 1, è quanto chiarisce l’Agenzia delle Entrate con la circolare 15/E del 27 aprile 2016.

Bonus strumenti musicali: chi può ottenerlo?

I beneficiari del bonus strumenti musicali sono i giovani che studiano musica presso i conservatori o altri istituti musicali parificati, iscritti ai corsi di strumento secondo il precedente ordinamento e ai corsi di laurea di primo livello, secondo il nuovo ordinamento, nell’anno accademico 2015/2016 o 2016/2017, purché in regola con il pagamento di tasse e contributi.

Bonus strumenti musicali: cosa possono acquistare?

Con il Bonus strumenti musicali possono acquistare, un solo strumento musicale, nuovo e coerente con il corso principale di iscrizione. Il collegamento tra il corso e lo strumento si desume dall’allegato 2 del provvedimento 8 marzo 2016, che riporta “i corsi di studio e gli strumenti musicali utilizzati” e specifica, inoltre, che devono ritenersi coerenti, e quindi agevolabili, anche gli strumenti considerati “affini” in base alle dichiarazioni di conformità rilasciate dalle istituzioni di appartenenza. Il contributo spetta una sola volta, anche in caso di acquisto di un singolo componente dello strumento, per un importo non superiore a 1000 euro e, comunque, in misura non eccedente il prezzo di acquisto dello strumento.

Bonus strumenti musicali: a chi spettano i 1000 euro e come fare domanda

[tweet_box design=”box_09″ float=”none”]Bonus strumenti musicali, nuove semplificazioni dall’Agenzia delle Entrate[/tweet_box]

Bonus strumenti musicali: come ottenerlo

Per ottenere il bonus strumenti musicali, lo studente deve chiedere, al conservatorio di musica o all’istituto musicale pareggiato, il rilascio del certificato d’iscrizione, non ripetibile “per tale finalità”, con il quale l’istituzione attesta la sussistenza dei requisiti necessari per fruire del contributo.

Al momento dell’acquisto dello strumento, lo studente deve consegnare il certificato al venditore, che dovrà documentare l’acquisto mediante fattura, anche semplificata, o ricevuta fiscale o scontrino parlante che indichi, oltre agli altri dati ordinariamente richiesti, il codice fiscale dello studente, il prezzo totale della vendita, sul quale è applicata l’Iva, e l’ammontare del bonus strumenti musicali.

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 15 del 27 aprile 2016, ha chiarito che le certificazioni, devono essere esenti dall’imposta di bollo. Il certificato in questione serve a documentare, anche nei confronti dell’Amministrazione finanziaria, la sussistenza dei requisiti necessari affinché lo studente possa beneficiare del bonus per l’acquisto dello strumento musicale e il rivenditore o produttore del relativo credito d’imposta.

Sui documenti rilasciati in esenzione dal bollo va indicato l’uso per il quale gli stessi sono destinati.

Bonus strumenti musicali 2016: codice tributo e compilazione F24

 

Argomenti: , , ,