Bonus spesa fino a 700 euro: l’importo cambia in base alla città ma l’elenco dei beni acquistabili è valido per tutti

Bonus spesa fino a 700 euro: l'importo cambia in base alla città ma l'elenco dei beni acquistabili è valido per tutti. Tutte le info su come ottenere il bonus da parte del proprio Comune di residenza.

di , pubblicato il
Bonus spesa fino a 700 euro: l'importo cambia in base alla città ma l'elenco dei beni acquistabili è valido per tutti

Chiarimenti sul bonus spesa fino a 700 euro: l’importo cambia in base alla città ma l’elenco dei beni acquistabili è valido per tutti. È bene chiarirlo visto che, con la recente approvazione del decreto Sostegni bis, e successiva conversione in legge dello Stato, sono arrivate importanti novità.

In particolare, con il decreto ora le procedure sono più snelle. Proprio al fine di ripartire velocemente ai Comuni le risorse per il bonus spesa. Per il 2021, la misura è stata rinnovata con una dotazione finanziaria che è pari a 500 milioni di euro.

Questo significa, in concreto, che a favore dei residenti in difficoltà economica i Comuni, proprio grazie al bonus spesa, che non è altro che un buono per l’acquisto di generi alimentari, potranno attivare nuove iniziative di solidarietà a favore delle famiglie.

Bonus spesa fino a 700 euro: l’importo cambia in base alla città ma l’elenco dei beni acquistabili è valido per tutti

Nel rispetto dei requisiti di accesso alla misura, per esempio a Milano il bonus spesa è pari a 300 euro per le famiglie fino a 3 componenti. Mentre il buono alimentare sale a ben 700 euro quando il nucleo familiare è composto da più di 3 persone.

L’elenco dei beni acquistabili è valido ed è uguale per tutti, nel proprio Comune di residenza e di appartenenza. In quanto, sul bonus spesa fino a 700 euro, il buono concesso, che non è altro che un voucher, si può spendere solo ed esclusivamente presso i punti vendita convenzionati e aderenti all’iniziativa.

Come si richiede e come si ottiene il buono per l’acquisto di generi alimentari

Il Comune, attivando l’iniziativa relativa al bonus spesa fino a 700 euro, prima acquisisce le domande.

E poi pubblica una graduatoria anche in ragione del fatto che, in base al numero delle richieste, le risorse a disposizione potrebbero non bastare.

In tal caso, per la concessione del bonus spesa fino a 700 euro, i primi ad ottenerlo saranno in ogni caso i più bisognosi. Oltre alla graduatoria degli ammessi al bonus spesa c’è anche la lista dei non ammessi. Ovverosia, tutti i richiedenti che non rispettano i requisiti per la concessione del voucher.

Argomenti: