Bonus società benefit: soggetti beneficiari e istruzioni Mise

A breve sarà operativo il credito d'imposta del 50% che promuove la costituzione o la trasformazione in società benefit di imprese presenti sul territorio nazionale

di , pubblicato il
A breve sarà operativo il credito d'imposta del 50% che promuove la costituzione o la trasformazione in società benefit di imprese presenti sul territorio nazionale

Il Ministro Giancarlo Giorgetti ha firmato il decreto attuativo che promuove la costituzione o la trasformazione in società benefit di imprese presenti sul territorio nazionale. Si tratta di attività imprenditoriali che, oltre a perseguire finalità economiche, operano in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori, ambiente, beni, attività culturali, sociali, enti, associazioni e altri portatori di interesse.

In tal modo, il decreto da piena attuazione all’agevolazione prevista dal D.L. 34/2020, decreto Rilancio.

In particolare, è stato previsto un contributo sotto forma di credito d’imposta nella misura del 50% dei costi di costituzione o trasformazione in società benefit, compresi quelli notarili e di iscrizione nel registro delle imprese nonché le spese inerenti all’assistenza professionale e alla consulenza.

Il credito d’imposta per le società benefit

L’art.38-ter del D.L. 34/2020, ha previsto un credito d’imposta pari al 50% dei costi di costituzione o trasformazione in società benefit (articolo 1, comma 376 e seguenti, legge n. 208/2015), sostenuti dal 19 luglio (data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto “Rilancio”) al 31 dicembre 2021.

Inizialmente erano agevolati le spese sostenute fino al al 31 dicembre 2020. Poi il D.L. 137/2020, decreto Milleproroche, ha esteso l’agevolazione al 30 giugno 2021.

Da ultimo, il D.L. 73/2021, decreto Sostegni-bis, ha coperto anche i costi sostenuti fino ai fine anno

Lo stesso decreto ha specificato che l’importo massimo di bonus utilizzabile in compensazione è pari a 10mila euro per ciascun beneficiario e che tra i costi agevolabili rientrano: le spese notarili, di iscrizione nel registro delle imprese e quelle inerenti all’assistenza professionale e alla consulenza per la costituzione o trasformazione in società benefit.

Il decrero attuativo è in arrivo

Il Ministro Giancarlo Giorgetti ha firmato il decreto attuativo che promuove la costituzione o la trasformazione in società benefit di imprese presenti sul territorio nazionale.

 In base a quanto riportato in comunicato pubblicato sul sito del Mise , il Ministero mette a disposizione complessivamente 10 milioni euro, di cui 7 milioni per il credito d’imposta e 3 milioni finalizzati ad attività di promozione. Il tax credit è riconosciuto, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti de minimis, fino all’esaurimento dei 7 milioni stanziati come tetto di spesa. L’utilizzo del bonus, può avvenire solo ed esclusivamente in compensazione. Nel modello F24. Per pagare imposte e contributi.

Il provvedimento, firmato anche dal Ministro dell’economia e delle finanze, è stato inviato alla Corte dei conti per la registrazione.

Argomenti: ,