Bonus Seggiolini antiabbandono, dal 20 febbraio è possibile farne richiesta

A breve sarà possibile richiedere il bonus da 30 per l’acquisto di un dispositivo antiabbandono. Vediamo come fare.

di , pubblicato il
A breve sarà possibile richiedere il bonus da 30 per l’acquisto di un dispositivo antiabbandono. Vediamo come fare.

Un bonus di 30 euro per l’acquisto di un seggiolino anti abbandono, o meglio un bonus da 30 euro per ogni dispositivo acquistato per ogni minore di 4 anni di età.

Attraverso una recente nota, rilasciata dalla Ministra delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli, sono state rese note importanti novità inerenti al cosiddetto “Bonus seggiolini antiabbandono”.

In particolare, la Ministra ha da poco firmato il decreto per l’assegnazione del contributo o del rimborso per l’acquisto dei dispositivi antiabbandono.

Vediamo a chi spetta e come poterne fare domanda.

Bonus Seggiolini antiabbandono: a chi spetta e in che misura

Questo Decreto Legge, emesso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti insieme al Ministero dell’Economia e delle Finanze, è entrato in vigore già dal 7 novembre 2019 ma, di fatto, l’applicazione delle relative sanzioni sono state rinviate al 6 marzo 2020.

Il bonus seggiolini, di 30 euro per ogni dispositivo acquistato per ogni figlio con meno di 4 anni d’età, può essere richiesto a partire dal prossimo 20 febbraio.

Il bonus potrà sarà erogato anche a coloro che hanno acquistato i dispositivi prima del 20 febbraio, facendo richiesta entro 60 giorni da tale data, presentando il giustificativo dell’acquisto (scontrino o fattura), se nel giustificativo non si evidenzia la dicitura “dispositivo antiabbandono” è necessario allegare anche un’autodichiarazione che descriva la natura dell’oggetto.

Come fare domanda

Per ottenere il contributo, bisogna iscriversi alla piattaforma web “Sogei”, richiedere l’identità elettronica digitale (Spid) e seguire le istruzioni.

Il rimborso verrà effettuato in automatico con bonifico bancario sull’Iban comunicato in fase di registrazione.

I buoni verranno erogati secondo l’ordine temporale di ricezione delle domande, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Se il costo del dispositivo è inferiore a 30 euro, il bonus erogato sarà uguale al costo sostenuto.

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

 

 

 

 

 

Argomenti: ,