Bonus Renzi per il taglio tasse: Salvini dice no ai “giochini” ma l’ipotesi resta sul tavolo

Bonus Renzi 2020: l'abolizione servirà per finanziare la flat tax e scongiurare l'aumento dell'IVA? Facciamo due conti.

di , pubblicato il
Bonus Renzi 2020: l'abolizione servirà per finanziare la flat tax e scongiurare l'aumento dell'IVA? Facciamo due conti.

Che il bonus Renzi abbia molte poche possibilità di essere prorogato nel 2020 non è una novità. Quello che resta da capire è in che modo saranno utilizzati i soldi recuperati dalla cancellazione o trasformazione del bonus Renzi dal prossimo anno.

Leggi anche:

Verso la fine del bonus Renzi: che fine farà?

Con la cancellazione del bonus Renzi si pagheranno meno tasse?

L’ipotesi più affermata appare essere quella di trasformare gli 80 euro in una detrazione fiscale.

Ora però ne spunta un’altra: il governo starebbe pensando alla copertura della detrazione Irpef come fonte a cui attingere per abbattere la pressione tributaria e portare avanti la riforma fiscale voluta da Salvini?

Flat tax 2020 finanziata con il bonus Renzi?

La stampa ha avanzato l’ipotesi che il governo punti a finanziare la flat tax voluta da Salvini proprio ricorrendo ai fondi destinati al bonus Renzi. L’esecutivo peraltro ha tempo fino a dicembre per recuperare i circa 23 miliardi necessari per evitare l’aumento dell’Iva. Dove altro attingere se non dalla cancellazione del bonus 80 euro in busta paga? Lo stesso sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon ha ammesso che le coperture per la flat tax saranno trovate facendo del “sano deficit per far ripartire l’economia”.

Nel frattempo la Commissione Ue ha chiesto al nostro Paese di ridurre il saldo strutturale dello 0,6% (potrebbero verosimilmente esserci margini per abbassare la pretesa allo 0,1-0,2%). Anche ammettendo questo sconto, però, l’obiettivo resta più ambizioso rispetto al 2,1% prefissato nell’ultimo documento Def. A conti fatti quale altra possibilità avrebbe il Governo per finanziare la flat tax ed evitare l’aumento IVA senza incidere ulteriormente sul rapporto deficit-Pil.

Salvini ha smentito in modo categorico questo scenario chiarendo che il governo non è intenzionato a fare questa sorta di “giochini” di illusione dei contribuenti. Per il momento però l’ipotesi resta l’unica concreta sul tavolo. Si attendono aggiornamenti e nuovi scenari.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.