Bonus Pos, istituito il nuovo codice tributo

L’Agenzia delle Entrate ha rilasciato il codice tributo del Bonus Pos, un credito d’imposta del 30 per cento sulle commissioni addebitate per i pagamenti con carta.

di , pubblicato il
L’Agenzia delle Entrate ha rilasciato il codice tributo del Bonus Pos, un credito d’imposta del 30 per cento sulle commissioni addebitate per i pagamenti con carta.

Istituito il nuovo codice tributo per l’utilizzo del credito d’imposta del 30% sulle commissioni per i pagamenti elettronici (cosiddetto bonus pos).

Il nuovo codice è stato reso noto dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 48 / E del 31 agosto 2020: “istituzione del codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta per le commissioni addebitate per le transazioni effettuate mediante strumenti di pagamento elettronici – articolo 22 decreto- legge 26 ottobre 2019, n. 124”. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Bonus pos

Con la Legge di Bilancio 2020 è stato introdotto un credito d’imposta per gli esercenti di piccole dimensioni sui costi del pos, il cosiddetto “Bonus Pos”.

Gli aventi diritto potranno beneficiare del bonus pos a partire dal primo luglio 2020.

Il Bonus Pos, sostanzialmente, è un credito d’imposta per tutti gli esercenti con un volume d’affari inferiore a 400 mila euro, pari al 30 per cento delle commissioni addebitate per i pagamenti con carte di credito, bancomat, carte prepagate ecc.

È possibile utilizzare tale credito esclusivamente in compensazione, dal mese successivo a quello in cui i relativi costi si riferiscono.

Gli esercenti che vorranno usufruire del Bonus Pos dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate tutte le informazioni necessarie per verificare se il credito d’imposta sia dovuto e in che misura.

Si legga: Bonus Pos, 30% delle Commissioni, al via dal primo luglio. Chi sono gli esercenti che ne potranno usufruire?

Codice tributo

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, a decorrere dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa. Il modello F24 deve essere presentato attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, pena lo scarto dell’operazione di versamento.

Il codice tributo da utilizzare è quello istituito dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 48 del 31 agosto 2020:

  • “6916” denominato “Credito d’imposta commissioni pagamenti elettronici – articolo 22, decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124”.

In sede di compilazione del modello F24, il suddetto codice tributo è esposto nella sezione “Erario”, nella colonna “importi a credito compensati”, ovvero, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”.

Guide e articoli correlati

Incentivi imprese

Bonus Pos, 30% delle Commissioni, al via dal primo luglio. Chi sono gli esercenti che ne potranno usufruire?

Argomenti: , ,