Bonus mobilità 2021: torna lo sconto sulle bici e calcolerà i km pedalati

Bonus mobilità 2021: torna lo sconto sulle bici e calcolerà i km pedalati. Aspettando il rilancio del bonus su scala nazionale, ecco i comuni e le regioni che hanno già giocato d'anticipo.

di , pubblicato il
Bonus mobilità 2021: torna lo sconto sulle bici e calcolerà i km pedalati

Per il bonus mobilità 2021: torna lo sconto sulle bici e calcolerà i km pedalati. Perché dopo il grande successo dello scorso anno, il bonus bici potrebbe essere rilanciato anche nel 2021. Ed il tutto mentre in alcune città italiane il bonus mobilità, per chi si sposta in bicicletta, è stato addirittura modulato in base ai chilometri percorsi. Come nel caso del progetto M.U.V.T nel comune di Bari.

Bonus mobilità 2021: torna lo sconto sulle bici e calcolerà i km pedalati

A livello nazionale, invece, la riproposizione del bonus bici è molto probabile. Considerando che l’attuale Governo italiano ha fissato nella transizione ecologica uno dei suoi obiettivi primari. Come peraltro si evince dal Recovery Plan. Con il bonus mobilità 2020 sono state vendute quasi 700 mila biciclette, un vero e proprio boom per la cosiddetta mobilità dolce. Un boom culminato, tra l’altro, pure nella corsa degli italiani all’acquisto di monopattini elettrici.

Perché lo sconto bici statale 2020 è stato un grande successo

Il bonus mobilità 2020, per l’acquisto di bici e di monopattini elettrici, è stato un grande successo anche grazie al generoso contributo statale. Pari, nello specifico, al rimborso del 60% delle spesa con un massimo fino a 500 euro. In questo modo il Governo italiano ha incentivato ed ha promosso il trasporto ad emissioni zero.

Ora si attendono novità dal Governo sulla riproposizione del bonus bici. Ma nel frattempo, al pari della città di Bari come sopra accennato, ci sono regioni italiane che hanno fatto proprio il bonus mobilità. Come per esempio l’Emilia-Romagna con il progetto ‘Bike to Work‘.

Quali sono tutti i vantaggi della mobilità dolce, dall’inquinamento all’incidentalità

La mobilità dolce, ed in generale quella cosiddetta sostenibile, è il nuovo paradigma di sviluppo nei centri urbani.

Dove in questo modo, con la minore emissione di agenti inquinanti, la qualità della vita dei cittadini tenderà a migliorare. L’uso di mezzi sostenibili, inoltre, abbatte il traffico stradale e, nello stesso tempo, fa scendere pure il tasso di incidentalità tra le auto, le moto e gli altri mezzi di trasporto tradizionali.

Argomenti: