Bonus mobili: l’unico caso in cui si ottiene senza ristrutturazione

Bonus mobili senza ristrutturazione: i chiarimenti delle Entrate sulla detrazione per pompa di calore.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Bonus mobili senza ristrutturazione: i chiarimenti delle Entrate sulla detrazione per pompa di calore.

Tra i casi di ristrutturazione e bonus mobili, quelli di sostituzione caldaia e installazione pompa di calore seguono delle regole specifiche. Cerchiamo di riepilogarle prendendo spunto dal quesito di un lettore che ci scrive:

Buongiorno,
in base alle linee guida dell’Agenzia dell’Entrate e come riportato nella Circolare 3E del 2 Marzo 2016 al punto 1.5, la sostituzione della caldaia è qualificabile come intervento di “manutenzione straordinaria” e quindi consente l’accesso al Bonus Arredi, senza dover necessariamente effettuare interventi di ristrutturazione muraria dell’immobile.
La prima domanda è: se invece di sostituire la caldaia ancora funzionante provvedo ad installare semplicemente una pompa di calore, ottenendo comunque un risparmio energetico, posso ugualmente accedere al Bonus Arredi?
La seconda domanda è: come faccio a dimostrare che, sostituendo la caldaia o installando eventualmente la pompa di calore, è stato ottenuto un risparmio energetico rispetto alla situazione preesistente?

Grazie
Buona giornata

Bonus mobili e pompa di calore: detrazione anche senza lavori di ristrutturazione?

L’installazione di un impianto di riscaldamento a pompa di calore dà diritto al bonus mobili anche senza ristrutturazione? La risposta è affermativa, come anche chiarito dall’Agenzia delle Entrate con circolare n. 11/2014, che riconosce espressamente il bonus mobili anche in mancanza di ristrutturazione nel caso di interventi di risparmio energetico.
Restano intuitivamente esclusi quelli che beneficiano dell’ecobonus.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti bonus casa, Bonus e detrazioni, Bonus Mobili