Bonus mobili: 20 mila euro per le giovani coppie anche senza ristrutturazione

Il Bonus mobili raddoppia: fino a 20 mila euro per le giovani coppie anche senza ristrutturazione. Scopri tutte le novità contenute nella Legge di Stabilità 2016: info e requisiti

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Il Bonus mobili raddoppia: fino a 20 mila euro per le giovani coppie anche senza ristrutturazione. Scopri tutte le novità contenute nella Legge di Stabilità 2016: info e requisiti

Novità interessanti in tema di bonus mobili dal 2016: l’agevolazione fiscale riconosciuta sull’acquisto di arredi raddoppia per le coppie giovani. Quali sono i requisiti per avere diritto alla detrazione Irpef fino a 20 mila euro? Vediamo più nel dettaglio la novità contenute nella Legge di Stabilità 2016, o meglio nel disegno approvato dal CdM e che ora passerà al vaglio del Parlamento.

Bonus mobili, fino a 20 mila euro per le giovani coppie: requisiti

La novità si rivolge alle coppie che hanno formato un nucleo familiare da non più di due anni e in cui almeno uno dei componenti abbia meno di 35 anni (così come definite dal decreto attuativo 31 luglio 2014). A queste condizioni, si legge nel nuova disegno di legge, il bonus mobili può essere riconosciuto fino ad un importo massimo di 20 mila euro. Il tetto di acquisto sul quale viene calcolata la detrazione Irpef del 50% viene quindi raddoppiato.

Bonus mobili 2016: per le giovani coppie senza ristrutturazione, basta l’acquisto

Non solo: se in linea generale il riconoscimento del bonus mobili è subordinato alla ristrutturazione edilizia, per le giovani coppie under 35 è sufficiente l’acquisto di casa, purché perfezionato entro il 31 dicembre 2016. La novità legislativa serve proprio ad agevolare le giovani coppie che sostengono l’investimento economico di un acquisto immobiliare.

Bonus mobili 2016: modalità di rimborso

La novità per le giovani coppie riguarda esclusivamente l’importo del bonus mobili e i requisiti di riconoscimento ma non anche le modalità di rimborso. La somma recuperata infatti viene restituita nella dichiarazione dei redditi, in rate annuali di pari importo per dieci anni.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bonus Mobili