Bonus mobili: detrazioni nel 730/2017

Bonus mobili per giovani coppie, prevista la detrazione nel 730/2017, ma chi può beneficiare del bonus, quali sono i requisiti?

di Angelina Tortora, pubblicato il
Bonus mobili per giovani coppie, prevista la detrazione nel 730/2017, ma chi può beneficiare del bonus, quali sono i requisiti?

Bonus mobili per le giovani coppie, prevista la detrazione nel modello 730/2017, ma quali sono i requisiti richiesti e come effettuare la detrazione? Vediamo chi può usufruire del beneficio e in che modo.

Bonus mobili anche per i conviventi

Poso beneficiare del bonus mobile le giovani coppie, sono comprese anche i conviventi di fatto (da almeno 3 anni) abbiano acquistato nel 2016 un immobile adibito ad abitazione principale. Lo stato di convivenza deve essere attestato dallo stato di famiglia o da una autocertificazione (deve essere resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445). Il requisito richiesto per poter beneficiare della detrazione è che almeno uno dei componenti non deve avere più di 35 anni compiuti entro il 31 dicembre 2016.

Detrazione del 50%

Per l’acquisto dei mobili, le giovani coppie con i requisiti sopra esposti, se destinati all’arredo dell’abitazione è riconosciuta una detrazione del 50% fino ad un tetto massimo delle spese sostenute di 16.000 euro.
La detrazione è riconosciuta se l’acquisto viene fatto nel 2016 e può essere fatta da entrambi i coniugi, l’importante è che chi effettua l’acquisto non abbia superato il 35° anno di età.
Per maggiori informazioni sui requisiti del bonus mobili, consigliamo di leggere il seguente articolo:

Bonus Mobili giovani coppie: la circolare che spiega come accedervi

La detrazione non è riconosciuta per l’acquisto dei grandi elettrodomestici.

Bonus mobili e detrazione nel 730

La detrazione delle spese per l’acquisto di mobili per giovani coppie va indicata nel modello 730 al rigo E58.
Per beneficiare dell’agevolazione, il pagamento dell’acquisto dei mobili deve essere effettuato esclusivamente tramite bonifico bancario, postale, carta di credito o di debito. Se si usano le carte di credito per il pagamento, fa fede la data di pagamento nel giorno di utilizzo della carta di credito o di debito la ricevuta dovrà evidenziare l’avvenuta transazione.
La documentazione attestante i pagamenti con relative fatture deve essere conservata.

Bonus mobili anche per i lavori in condominio: ecco come avere la detrazione nel 730

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News Fisco, Bonus mobili 2016