Bonus mobili e bonus verde: detrazione, sconto in fattura o cessione del credito?

Il bonus mobili e bonus verde sono detrazioni fiscali che saranno oggetto di proroga anche per il 2021

di , pubblicato il
sconto

Il decreto Rilancio, all’art. 121, ha previsto la possibilità, a fronte di spese che danno diritto a godere delle detrazioni fiscali per i lavori sulla casa, di optare in luogo della detrazione stessa:

  • per lo sconto diretto in fattura
  • oppure per la cessione del credito.

Lavori sulla casa: quando è possibile lo sconto in fattura o la cessione del credito

Il legislatore indica in modo specifico quali sono i tipi di detrazione per lavori sulla casa a fronte dei quali si può optare per lo sconto in fattura o cessione del credito (questi sono elencati anche nel Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dell’8 agosto 2020 ed aggiornato con il Provvedimento del 12 ottobre 2020).

Nel dettaglio si tratta delle seguenti:

  • superbonus 110%
  • detrazione per lavori di recupero del patrimonio edilizio (c.d. bonus ristrutturazione)
  • detrazione per lavori di riqualificazione energetica (c.c. ecobonus)
  • detrazione per interventi finalizzati all’adozione di misure antisismiche (c.d. sismabonus)
  • detrazione per lavori di recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti (c.d. bonus facciate)
  • detrazione per l’installazione di impianti fotovoltaici
  • detrazione per installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.

Bonus verde e bonus mobili: c’è la proroga ma non sconto o cessione del credito

Dunque, nessuna possibilità di opzione per lo sconto in fattura e cessione del credito, per ora risulta essere prevista per:

  • la detrazione nella misura del 36% per le spese relativi ad interventi di sistemazione del verde (c.d. bonus verde);
  • la detrazione nella misura del 50% per le spese relativi all’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione (c.d. bonus mobili)

Anche se formeranno oggetti di proroga con la prossima manovra di bilancio 2021, almeno per questi due bonus, dunque, resta fermo che potranno essere goduti esclusivamente nella forma della detrazione in dichiarazione dei redditi in 10 quote annuali di pari importo.

Potrebbero interessarti anche:

Argomenti: , ,