Bonus mobili 2023, una bella notizia e una brutta

Salvo cambiamenti dell'ultimo minuto alla legge di bilancio, anche nel corso del 2023 sarà possibile usufruire del bonus mobili. Ecco cosa c'è da aspettarsi.

di , pubblicato il
Bonus mobili 2022 senza pace, nuove modifiche al limite di spesa?

Arredare non significa fare scenografie, non significa fare belle immagini per le riviste; è piuttosto creare una qualità di vita, una bellezza che nutre l’anima”, affermava Albert Hadley. L’arredamento, infatti, non serve solo ad abbellire la propria abitazione dal punto di vista estetico. Bensì contribuisce a renderla unica nel suo genere dal punto di vista emotivo. La casa, d’altronde, è il punto di riferimento per ognuno di noi.

È il posto dove siamo sempre noi stessi, lontani da possibili occhi indiscreti. Per questo motivo ognuno di noi cerca di renderla il più possibile in linea con i propri gusti personali. Non sempre, però, tutto ciò è possibile, perché non si dispone del denaro necessario a fronteggiare le varie spese. Proprio in tale ambito giunge in aiuto il bonus mobili, di cui sarà possibile beneficiare anche nel corso del 2023. Ecco cosa c’è da aspettarsi.

Bonus mobili 2023, una bella notizia e una brutta

Buone notizie per tutti coloro che desiderano acquistare dei mobili.

Salvo cambiamenti dell’ultimo minuto con la Legge di bilancio, infatti, anche nel corso del 2023 sarà possibile usufruire di un importante incentivo per sostenere tali spese. Allo stesso tempo non mancano le pessime notizie, ovvero la riduzione del tetto di spesa su cui calcolare la detrazione. Come si evince dal sito dell’Agenzia delle Entrate, infatti:

“Indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, è possibile fruire di una detrazione del 50% calcolata su un importo massimo di 10.000 euro per l’anno 2022″. Questo per quanto concerne lespese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. Il limite massimo di spesa riguarda la singola unità immobiliare, comprensiva delle pertinenze, o la parte comune dell’edificio oggetto di ristrutturazione. Quindi, il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto più volte al beneficio”.

Tale soglia è stata inseguito abbassata a quota 5 mila euro per gli anni 2023 e 2024.

Grazie ad un emendamento alla Manovra approvato in commissione Bilancio la soglia di spesa detraibile ha subito ulteriori modifiche. In particolare è stata innalzata a quota otto mila euro.

Sempre come sottolineato dall’Agenzia delle Entrate, hanno diritto al bonus mobili i soggetti che effettuano interventi di recupero del patrimonio edilizio e che usufruiscono del bonus ristrutturazioni. Per poter beneficiare di tale incentivo, inoltre, è fondamentale effettuare il pagamento solo con bonifico, carta di debito o carta di credito.

Bonus elettrodomestici fino a 150 euro

Oltre al bonus mobili, nel corso del 2023 si potrebbe beneficiare di un altro interessante incentivo. Ovvero un bonus fino a 150 euro per l’acquisto di elettrodomestici come lavatrici, lavastoviglie e frigoriferi. Il tutto a patto di rottamare al contempo un prodotto con almeno dieci anni di vita. Questo è quanto prevede un emendamento della Lega alla Legge di Bilancio 2023. Bisogna quindi attendere e vedere se tale agevolazione verrà o meno approvata in vista dell’arrivo del nuovo anno.

Argomenti: ,