Bonus meccanico, lo sconto vale anche per l’auto dei figli?

Il bonus meccanico spetta all'intestatario della fattura o della macchina? Si possono cumulare più detrazioni?

di , pubblicato il
rimborso-spese-auto-figlio

Il bonus meccanico, se approvato, riconoscerebbe uno sconto sul costo del meccanico pari al 50% della spesa (entro un massimo di 500 euro IVA esclusa).

Quante macchine per famiglia

Oggi sempre di più stanno prendendo piede metodi di spostamento alternativi. Tuttavia l’auto familiare resta una componente importante della nostra cultura: per il 97% delle famiglie italiane la considera irrinunciabile. E molti nuclei familiari ne possiedono più di una anche se intestate a persone diverse.

Bonus meccanico: calcolo e importo

Abbiamo visto sopra che il bonus meccanico ammonta ad un massimo di 250 euro. La cifra corrisponde al 50% del tetto di spesa massimo detraibile, ovvero 500 euro. La cifra si riferisce alla vettura. Dunque se durante l’anno dovete fare più interventi al motore o in generale di riparazione del veicolo, potete sommare l’importo fino ad arrivare a 250 euro e recuperare la cifra in detrazione nella dichiarazione 2022. Alla lettera se una persona è intestataria di due o più veicoli, potrà per ognuno di essi usufruire del bonus meccanico.

Riparazione auto del figlio a carico: si può chiedere il bonus meccanico?

Diverso è il caso della macchina intestata al figlio fiscalmente a carico. Supponiamo che tuo figlio abbia da poco compiuto 18 anni: per molti giovani la maggiore età è sinonimo di patente e di libertà. Per fargli fare pratica alla guida avete deciso di regalargli una macchina usata. Dopo pochi mesi si accende una spia sospetta e dovete portare la macchina dal meccanico. A questo punto nasce il dubbio legittimo: se siete voi, come verosimile, a pagare la fattura del meccanico (a voi intestata) potete usufruire del bonus meccanico per la macchina del figlio a carico. Oppure la detrazione resta nel limite personale dei 500 euro? Premesso che il bonus meccanico non è ancora legge e, quindi, siamo attualmente nel campo delle ipotesi, l’interpretazione più corretta appare ad avviso di chi scrive la prima.

Un po’ come avviene per le detrazioni funebri: se i funerali dei familiari sono due il tetto di spesa massimo vale separatamente per ognuna delle due cerimonie. Ciò non toglie che la normativa potrebbe prevedere la condizione opposta. Ovviamente seguiremo gli aggiornamenti non appena diventeranno ufficiali.

Argomenti: ,