Bonus lavoro Reddito di Cittadinanza: per quante mensilità spetta?

Da cinque a diciotto mensilità: come calcolare la durata del bonus assunzioni a cui ha diritto che assume persone che percepiscono il reddito di cittadinanza

di , pubblicato il
assunzioni-giovani

L’Inps con circolare 104/2019 ha comunicato le prime indicazioni per il riconoscimento del bonus assunzioni riservato a chi assume beneficiari del reddito di cittadinanza. Tutti i datori di lavoro privati, anche non costituiti sotto forma di impresa, possono fare domanda online per ottenere il beneficio, a patto che l’offerta di lavoro rispetti i requisiti previsti. Sono escluse le famiglie che assumono lavoratori domestici. Riepiloghiamo i requisiti per poi soffermarci sul discorso della durata per rispondere al seguente quesito: “ha senso, ai fini del bonus, assumere una persona che percepisce il reddito di cittadinanza già da diversi mesi?”.

Bonus assunzione reddito di cittadinanza: per quali lavori vale

Per poter dare diritto al bonus in analisi, l’assunzione dovrà essere per un contratto full time e a tempo indeterminato. La successiva trasformazione del contratto in lavoro part time, può essere ammessa esclusivamente su richiesta del dipendente e per specifici motivi documentati. Sono esclusi anche tutti i rapporti di lavoro intermittente e/o occasionale mentre possono dar diritto all’incentivo i contratti di apprendistato.

Se tutti i requisiti ricorrono, lo sgravio contributivo può arrivare ad un massimo di 780 euro al mese.

Assumere beneficiario del reddito di cittadinanza: quante mensilità di bonus

In merito alla durata massima, questa è fissata a 18 mesi (corrispondente a quella dell’erogazione del sussidio). Da un lato è facile immaginare che chi percepisce il RdC sia più propenso ad accettare offerte di lavoro dopo qualche mese dall’erogazione. All’inizio infatti si potrebbe tendere ad essere “più selettivi” nelle condizioni che non rispecchiano a pieno le proprie esigenze o priorità. Per i datori di lavoro, invece, vale il discorso contrario nel senso che più mensilità residue del sussidio sono previste e più duraturo sarà il bonus, sempre nel limite dei 18 mesi.

A tal proposito, comunque, vale la pena ricordare che è previsto un tetto minimo di 5 mensilità. Quindi anche se il beneficiario del RdC aveva già incassato 15 mensilità, il datore che lo assume non avrà il bonus corrispondente solo alle tre mensilità mancanti ma a cinque.

Ricordiamo che le posizioni vacanti vanno obbligatoriamente comunicate sulla piattaforma digitale dedicata al reddito di cittadinanza prima di procedere con le assunzioni agevolate. Inoltre il rapporto di lavoro deve durare almeno 36 mesi: in caso contrario, ovvero per licenziamento prima di questo termine, il datore è tenuto alla restituzione di quanto incassato con l’applicazione di sanzioni (è ammesso il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo).

Argomenti: , ,