Bonus lavasciuga 50%: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate per i modelli di classe A

Chi fa lavori di ristrutturazione e acquista una lavasciuga ha diritto al bonus mobili anche se è di classe A?

di , pubblicato il
Chi fa lavori di ristrutturazione e acquista una lavasciuga ha diritto al bonus mobili anche se è di classe A?

La lavasciuga, ovvero la lavatrice con funzione di asciugatrice, può dare diritto al bonus mobili ed elettrodomestici 2019 in caso di ristrutturazione dell’immobile? Il dubbio è lecito per un un doppio ordine di motivi: in primo luogo perché non rientra nella lista degli elettrodomestici agevolabili nell’allegato II al decreto legislativo 49/2014 e in secundis perché non esistono sul mercato lavasciuga di classe A+ (la classe A è quella massima).

Bonus lavasciuga 50%: i chiarimenti delle Entrate su elettrodomestico e classe energetica

L’Agenzia delle Entrate ha fatto chiarezza rispondendo all’interpello di un contribuente e ammettendo la detrazione Irpef del 50%. Un’interpretazione logica se si pensa che la lavasciuga sicuramente rientra tra i grandi elettrodomestici, al pari della lavatrice e dell’asciugatrice che, invece, sono in lista.

La presa di posizione ufficiale delle Entrate è appunto consultabile nella risposta 245/2019: in caso di ristrutturazioni, ha diritto al bonus mobili il contribuente che acquista una lavasciuga di classe A (stessa eccezione prevista per i forni del resto).

Con l’occasione l’Ente ha chiarito che l’elenco degli elettrodomestici ammessi ha carattere esemplificativo e non ha pretese di completezza. La lista, in altre parole, lascia spazio ad altri prodotti.Come si legge, già nella circolare n. 7/2018, l’etichetta energetica ai fini del bonus è richiesta solo quando obbligatoria.

Il riferimento legislativo per individuare la classe energetica è al decreto del ministero dell’Industria, del commercio e dell’artigianato del 7 ottobre 1998 sulle modalità di applicazione delle etichette energetiche, dal quale emerge che le classi di efficienza energetica per le lavasciuga vanno da “A” (consumi di energia più bassi) a “G” (consumi di energia più alti). In conclusione, quindi, l’etichetta che riporta la classe “A” per la lavasciuga, gli riconosce la massima efficienza energetica prevista per questo tipo di elettrodomestico.

Potrebbe interessarti anche:
La lavatrice rientra tra gli acquisti con 104?

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.