Bonus imprese, in arrivo 100 milioni per nuovi progetti: ecco per chi

L’invio delle domande per l’accesso al bonus imprese legato a progetti pilota potrà avvenire entro e non oltre il 15 febbraio 2022

di , pubblicato il
Bonus imprese, in arrivo 100 milioni per nuovi progetti: ecco per chi

Stanziati 100 milioni di euro che potranno essere destinato ad un nuovo bonus imprese per progetti pilota realizzati dalle PMI.

E’, infatti, pubblicato il bando del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) che stabilisce termini e modalità per la richiesta di nuovi contributi agevolativi di PMI ed enti locali per la realizzazione di progetti pilota innovativi, che puntano a favorire la promozione e lo sviluppo del sistema produttivo sul territorio Italiano.

Investimenti ammessi al nuovo bonus imprese

Come recita il comunicato stampa del MISE, le risorse sono destinate a progetti d’investimento e innovazione relativi a iniziative che promuovono:

  • interventi imprenditoriali e pubblici finalizzati allo sviluppo delle aree interessate
  • la valorizzazione delle risorse naturali, culturali e del turismo sostenibile,
  • la transizione ecologica
  • l’autoimprenditorialità e riqualificazione delle aree urbane e delle aree interne
  • la realizzazione e ammodernamento di infrastrutture pubbliche.

Termini e modalità di domanda

Le domande di assegnazione dei nuovi bonus impresa dovranno essere trasmesse al soggetto gestore esclusivamente dalla Posta Elettronica Certificata (PEC) del soggetto responsabile proponente, al seguente indirizzo PEC [email protected].

L’invio potrà avvenire a decorrere dal 15° giorno successivo alla pubblicazione in GURI del bando in commento e fino al 15 febbraio 2022.

Come sarà erogato il bonus imprese

La valutazione tecnica dei progetti pilota, a seguito della positiva conclusione delle verifiche, è svolta da una Commissione nominata con decreto dello stesso Ministro dello Sviluppo Economico, costituita da cinque componenti, di cui tre in rappresentanza del Ministero, uno in rappresentanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze ed uno in rappresentanza di Unioncamere.

Il bonus imprese in commento sarà poi assegnato sulla base di una graduatoria. Oltre all’iscrizione al Registro imprese, uno dei requisiti richiesti dal bando per essere ammessi è quello di avere sede legale nell’area nella quale sono realizzati gli interventi previsti dal progetto pilota.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: ,