Bonus figli disabili, fino a 500 euro al mese con arretrati: attenzione ai requisiti

Pronte le regole attuative per il bonus 2021, bonus 2022 e bonus 2023 figli disabili istituito con l legge di bilancio 2021. Ok anche per gli arretrati

di , pubblicato il
Bonus figli disabili, fino a 500 euro al mese con arretrati: attenzione ai requisiti

Tra i bonus 2022 rientra anche quello per i figli disabili istituito con la legge di bilancio 2021. In realtà il decreto attuativo del beneficio è stato firmato dal Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, solo lo scorso 14 ottobre 2021 e visto che il bonus è previsto per gli anni 2021, 2022 e 2023, chi dovesse presentare domanda avrà diritto anche agli arretrati.

Bonus 2021, bonus 2022 e bonus 2023 per figli disabili

E’ riconosciuto, in favore di uno dei genitori disoccupati o monoreddito, facenti parte di nuclei familiari monoparentali con figli a carico con una disabilità non inferiore al 60%, un contributo mensile nella misura massima di 500 euro netti, per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023.

Ai fini del riconoscimento del contributo è necessario, quindi, il possesso cumulativo dei seguenti requisiti:

  • genitore richiedente deve essere disoccupato o monoreddito
  • nucleo familiare deve essere monoparentale (ossia è presente un solo genitore)
  • figlio a carico fiscalmente deve avere una disabilità non inferiore al 60%
  • richiedente deve essere residente in Italia
  • ISEE non superiore a 3.000 euro.

Importi e termini di domanda

Per conoscere termini e modalità di domanda occorre attendere apposita circolare INPS. Ciò che è certo è che la domanda andrà presentata per ognuno degli anni previsti (bonus 2021, bonus 2022 e bonus 2023).

Poiché il contributo spetta da gennaio a dicembre di ciascun anno, e visto che ad oggi ancora non si conoscono termini di domanda, si avrà diritto anche agli arretrati 2021 nel momento in cui sarà presentata la richiesta.

Stessa cosa dicasi per il bonus 2022 (se ad esempio l’INPS stabilisce che la domanda per il 2022 sarà possibile presentarla entro il 31 marzo 2022, il richiedente avrà diritto anche agli arretrati da gennaio a marzo stesso del 2022).

L’importo spettante del bonus 2021, bonus 2022 e bonus 2023, è di

  • 150 euro mensili se il genitore ha a carico un solo figlio con disabilità non inferiore al 60%
  • 300 euro mensili se il genitore ha a carico due figli con disabilità non inferiore al 60%
  • 500 euro mensili se il genitore ha a carico tre o più figli con disabilità non inferiore al 60%

Decadenza e sospensione

Se il figlio disabile è ricoverato per periodi di lunga decenza presso istituti di cura, il genitore deve comunicarlo all’INPS (che prevede poi alla sospensione del bonus per tutto il periodo del ricovero).

La decadenza dal bonus, invece, si verifica per una delle seguenti cause (che devono essere tempestivamente comunicate all’INPS):

  • decesso del figlio disabile
  • affidamento del figlio disabile a terzi soggetti
  • perdita dell’esercizio della responsabilità genitoriale.

Se da eventuali controllo, l’INPS dovesse riscontrare la non sussistenza dei requisiti per il beneficio, ciò comporterà l’immediata decadenza e recupero di quanto indebitamente goduto e l’applicazione delle dovute sanzioni.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,