Bonus Facciate, non spetta ai soggetti che non possiedono redditi fiscalmente imponibili, come gli enti pubblici territoriali esenti dal pagamento dell’IRES.

Il bonus facciate non spetta ai soggetti che non possiedono redditi imponibili. Non spetta, dunque, agli enti pubblici territoriali esenti dal pagamento dell'IRES.

di , pubblicato il
Il bonus facciate non spetta ai soggetti che non possiedono redditi imponibili. Non spetta, dunque, agli enti pubblici territoriali esenti dal pagamento dell'IRES.

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello n. 397 del 23 settembre 2020: “accesso da parte di un Comune all’agevolazione prevista dall’articolo 1, commi da 219 a 223 della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (c.d. bonus facciate), previa trasformazione della detrazione di imposta in credito di imposta compensabile mediante il modello F24 oppure cedibile a terzi”, fornisce utili chiarimenti in merito al cosiddetto bonus facciate: la detrazione d’imposta del 90% per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali.

Il quesito del contribuente

L’istante, un Comune italiano, intende realizzare interventi di restauro della facciata esterna di un edificio proprietario adibito a sede istituzionale e a uffici.

In relazione a tale intervento, lo stesso chiede all’amministrazione finanziaria se gli enti pubblici territoriali, esenti dal pagamento dell’IRES, possano beneficiare, come previsto dall’articolo 121 del decreto-legge n. 34 del 19 maggio 2020, della trasformazione della detrazione di imposta prevista per il bonus facciate in credito di imposta, compensabile mediante il modello F24 per il pagamento di tributi vari e di contributi previdenziali, oppure cedibile a terzi.

Bonus Facciate, non è valido per i Comuni e gli altri enti territoriali

L’Agenzia delle Entrate risponde al quesito del contribuente con esito negativo.

Sotto il profilo soggettivo, spiega l’ADE, il bonus facciate riguarda “tutti i contribuenti residenti e non residenti nel territorio dello Stato, che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi agevolati, a prescindere dalla tipologia di reddito di cui essi siano titolari”.

In linea generale, trattandosi di una detrazione dall’imposta lorda, il bonus facciate non spetta ai soggetti che non possiedono redditi imponibili.

Non spetta, dunque, agli enti pubblici territoriali esenti dal pagamento dell’IRES.

Sempre secondo quanto rilevato dall’ADE, tali soggetti non possono neanche esercitare l’opzione che consente di ottenere un contributo sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta o di cederlo a terzi.

Guide e articoli correlati

Bonus facciate: vademecum adempimenti e documenti da conservare

Bonus Facciate, novità dall’Agenzia delle Entrate: per ottenere lo sconto del 90% puoi utilizzare qualsiasi materiale

 

Argomenti: ,