Bonus cultura 18: riconfermato per il 2020, ma con una brutta sorpresa per i futuri neo maggiorenni

Il bonus cultura maggiorenni verrà riproposto anche nel 2020, ma con una sostanziale differenza. Esso sarà decisamente inferiore rispetto al passato.

di , pubblicato il
Il bonus cultura maggiorenni verrà riproposto anche nel 2020, ma con una sostanziale differenza. Esso sarà decisamente inferiore rispetto al passato.

Confermato in Legge di Bilancio 2020 il cosiddetto “Bonus Cultura maggiorenni” o “Bonus Cultura 18”. Ad annunciarlo è stato il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri.

Tutti cittadini, che compiranno la maggiore età a partire dal primo gennaio 2020, avranno diritto ad un bonus da spendere in cultura, ma inferiore rispetto agli anni passati.

Che cosa è il bonus cultura maggiorenni? e a chi è destinato?

Il bonus cultura maggiorenni, o bonus culture 18enni, è una iniziativa a cura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Presidenza del Consiglio dei Ministri dedicata a promuovere la cultura.

Il programma è destinato a tutti i nuovi maggiorenni e permette loro di ottenere un bonus che sarà possibile spendere in:

  • Cinema;
  • Musica;
  • Concerti;
  • Eventi culturali,
  • Libri;
  • Musei,
  • Monumenti e parchi;
  • Teatro e danza;
  • Corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Per poter ottenere il bonus, i ragazzi dovranno registrarsi all’applicazione web 18app e seguire le istruzioni.

A quanto ammonterà il nuovo bonus maggiorenni?

Anche se il bonus verrà riconfermato per l’anni 2020, la brutta notizia è che esso sarà decisamente inferiore rispetto al passato.

Sono, infatti, stati stanziati, in Legge di Bilancio 2020, 160 milioni di euro, cifra non di poco conto ma, sicuramente, inferiore ai 240 milioni di euro stanziati per il 2019.

In pratica verrà riconosciuto un bonus di 300 euro, invece che 500 euro erogati fino al 31 dicembre 2019.

A comunicarlo è stato il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, in una recente audizione alla Camera.

Un’iniziativa, in ogni caso, lodevole da parte dello stato.

Lo scorso anno, secondo alcune statistiche, i ragazzi hanno speso i loro bonus soprattutto per l’acquisto di libri musica e biglietti per cinema e concerti; meno per l’acquisto di biglietti di musei o altri luoghi di cultura.

Potrebbe anche interessarti: “Bonus digitale: 2000 euro per tutti i cittadini, direttamente sul conto corrente, a partire dal prossimo anno” e “Detrazioni IRPEF per spese veterinarie e Fondo prevenzione randagismo: le 2 importanti novità “animaliste” inserite in Legge di Bilancio 2020”.

 

Argomenti: , ,