Bonus casa, ecco perché per i piccoli lavori non conviene più la cessione credito

Dal 12 novembre 2021, optare per la cessione del credito o sconto in fattura a fronte dei bonus potrebbe non essere più conveniente

di , pubblicato il
Bonus casa, ecco perché per piccoli lavori non conviene la cessione credito

L’estensione dell’obbligo del visto di conformità e dell’asseverazione anche nell’ipotesi opzione per la cessione del credito e sconto in fatture nell’ambito degli altri bonus casa diversi dal superbonus 110%, potrebbe non rendere più conveniente l’opzione stessa a fronte di lavori di piccola entità, facendo propendere il contribuente verso la scelta della detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi.

Spieghiamo il perché.

Lo sconto in fattura e la cessione del credito

A fronte dei bonus casa (bonus ristrutturazione, bonus facciate, ecobonus ordinario, ecc.) il legislatore, per le spese 2020 e 2021, ha ammesso la possibilità di optare, in luogo della detrazione fiscale, per:

  • lo sconto in fattura, da parte dell’impresa esecutrice dei lavori, la quale poi recupera il corrispettivo nella forma del credito d’imposta, che potrà utilizzare in compensazione oppure cedere a terzi
  • la cessione del credito a terzi, inclusa la stessa impresa esecutrice dei lavori ed inclusi istituti di credito e finanziari. Il cessionario (ossia chi acquisisce il credito) può ulteriormente cederlo a terzi soggetti oppure utilizzarlo in compensazione.

I bonus casa saranno prorogati fino al 2024 dalla legge di bilancio 2022, così come sarà prorogata anche la possibilità di optare per sconto o cessione.

Anche in ambito bonus 110%, è prevista la possibilità di optare.

Visto di conformità ed asseverazione

La normativa sul superbonus 110%, così come introdotto, prevede che, in caso di opzione per sconto o cessione, occorre acquisire il visto di conformità.

Inoltre, nel caso in cui oggetto dei lavori siano interventi di riqualificazione energetica o antisismici, occorre anche l’asseverazione da parte di un tecnico abilitato (ciò indipendentemente da se il bonus sia utilizzato come detrazione, sconto o cessione).

Nessun visto e nessuna asseverazione, invece, la normativa richiedeva per gli altri bonus casa diversi dal 110%.

Cosa cambia con il decreto anti frode per la cessione del credito e sconto in fattura

Ora, con l’intento di contrastare le frodi nel campo delle agevolazioni fiscali emerse negli ultimi mesi nel campo dei bonus fiscali per i lavori sulla casa, il legislatore ha emanato il decreto – legge n. 157 del 2021, con cui:

  • ha esteso l’obbligo di acquisire il visto di conformità e l’asseverazione attestante la congruità delle spese ai lavori, anche nell’ipotesi in cui si opti per lo sconto in fattura o cessione del credito a fronte di bonus fiscali sulla casa diversi dal 110%
  • inoltre, estende l’obbligo del visto anche laddove si decida di godere del superbonus 110% nella forma della detrazione fiscale in dichiarazione de redditi (tranne il caso in cui la dichiarazione sia presentata direttamente dal contribuente o tramite sostituto d’imposta).

Il costo non previsto

L’estensione dell’obbligo di acquisire il visto di conformità e l’asseverazione attestante la congruità delle spese ai lavori, anche nell’ipotesi in cui si opti per lo sconto in fattura o cessione del credito a fronte di bonus fiscali sulla casa diversi dal 110%, potrebbe avere come conseguenza quella di non rendere più tanto conveniente optare laddove trattasi di lavori che comportano una modica spesa.

Acquisire il visto di conformità e l’asseverazione significa, infatti, sostenere costi aggiuntivi rispetto a quelli preventivati. Il professionista che si chiama per rilasciare il visto ed il tecnico scelto per l’asseverazione richiederanno certamente un compenso per la loro attività. Un esempio pratico ci aiuta a capire.

Esempio

Si suppongano lavori di ristrutturazione per 2.500 euro. I lavori rientrano tra quelli ammessi al bonus ristrutturazione (detrazione 50%). Optare per la cessione del credito o lo sconto in fattura, significherebbe recuperare subito il 50% della spesa, quindi, 1.250 euro.

Tale somma, tuttavia, dovrà essere considerata al netto anche dell’onorario chiesto dai professionisti per il visto e l’asseverazione.

Supponendo un onorario di 250 euro per ciascuno, significa un recupero netto di spesa pari a 750 euro (1.250 – 500).

Laddove, invece, il contribuente propenda verso la detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi, è vero che dovrà attendere 10 anni per recuperare la spesa (il bonus ristrutturazione si gode in 10 quote annuali di pari importo), ma non subirà la predetta perdita.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,