Bonus casa 2020: due novità importanti sulle detrazioni acquisto e sul pagamento dei lavori

Detrazioni fiscali sui lavori in casa: due novità introdotte nel 2020 e che possono ridurre la possibilità di recuperare le spese.

di , pubblicato il
Detrazioni fiscali sui lavori in casa: due novità introdotte nel 2020 e che possono ridurre la possibilità di recuperare le spese.

Quali sono le principali novità introdotte sui bonus casa 2020? Da un lato c’è l’inserimento del nuovo bonus facciata al 90% (contestualmente alla proroga in calcio d’angolo del bonus verde del 36% che rischiava di essere cancellato). Quali disposizioni sono state approvate invece in merito alle altre detrazioni sui lavori in casa? Parliamo in particolare del bonus ristrutturazioni, dell’ecobonus e del bonus mobili.

Detrazioni: oltre un certo reddito non sempre spettano per intero

La prima limitazione riguarda la fascia di reddito e prevede che oltre i 120.000 euro (senza tenere in conto la prima casa) le detrazioni non possano essere applicate interamente ma in misura ridotta. Fanno eccezione le detrazioni sugli interessi passivi sui mutui e quelle per le spese sanitarie. Non vengono toccate da questa novità neanche le detrazioni per gli interessi sui mutui, i canoni di affitto e le commissioni dell’agenzia immobiliare.

Chi paga in contanti perde le detrazioni

La seconda novità si riferisce invece alle modalità di pagamento ammesse per le detrazioni. In sostanza dal 2020 non possono essere detratte dal reddito le spese effettuate in contanti, ma solamente quelle per le quali sono stati utilizzati mezzi tracciabili, dal bonifico alla carta di credito. Fanno eccezione a questo limite l’acquisto di farmaci e i pagamenti delle prestazioni sanitarie rese da strutture pubbliche o private accreditate al SSN.

Argomenti: ,