Bonus caldaia variabile fino al 65%: guida all’acquisto dalla classe B alla classe A con valvole

Bonus caldaia 2018: importo variabile in base alla classe energetica e al modello. Ecco una pratica guida per l'acquisto e l'installazione.

di , pubblicato il
Bonus caldaia 2018: importo variabile in base alla classe energetica e al modello. Ecco una pratica guida per l'acquisto e l'installazione.

Accolte le richieste sul bonus caldaia 2018: la commissione bilancio della Camera ha approvato un emendamento alla legge di bilancio presentato da Antonio Misiani del Pd che riordinano l’ecobonus (insieme a quello relativo al sisma bonus per la riqualificazione dei condomini). Concentriamoci appunto sulle novità relative al bonus caldaia 2018.

Bonus caldaia variabile nel 2018: che cosa cambia in base alla classe energetica dell’impianto

Con l’approvazione del primo emendamento, il bonus caldaia viene riportato al valore massimo. Ma attenzione: questo è vero solamente per i modelli di caldaie a condensazione tecnologicamente più avanzati (classe A con sistemi di termoregolazione evoluti oppure o con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed esplicitamente pensati dal produttore per funzionare in combinazione tra di loro o ancora per le spese sostenute all’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione). Per gli altri modelli di caldaie classe A resta invece al 50% e anzi viene azzerato per le caldaie meno ecologiche e performanti di classe B.

Una scelta che, come intuitiva, punta ad investire nell’innovazione tecnologica e nell’efficienza energetica.
Ha commentato Misiani: “i due emendamenti su ecobonus e sismabonus che la commissione bilancio ha approvato introducono novità importanti e rappresentano un notevole passo in avanti”.

Argomenti: ,