Bonus Bicicletta, se la piattaforma è stabile ci pensa il sistema Spid di Poste Italiane a creare problemi

Un Paese altamente digitalizzato il nostro. Si, ma un po' alla buona. In occasione del lancio del Bonus Bicicletta, il sistema di accesso Spid di poste italiane non ha retto l’impatto e da ieri risulta praticamente irraggiungibile.

di , pubblicato il
Un Paese altamente digitalizzato il nostro. Si, ma un po' alla buona. In occasione del lancio del Bonus Bicicletta, il sistema di accesso Spid di poste italiane non ha retto l’impatto e da ieri risulta praticamente irraggiungibile.

Nella giornata di ieri, a partire dalle ore 9 di mattina, è stata resa disponibile, sul sito del Ministero dell’Ambiente, la piattaforma che consente di poter beneficiare del cosiddetto Bonus bicicletta (detto anche Bonus mobilità).

Il link per l’accesso diretto alla piattaforma è il seguente: www.buonomobilita.it.

Tramite questo link:

  • chi ha acquistato un bene o servizio di mobilità previsto dal decreto, fino al giorno prima dall’attivazione della piattaforma (quindi fino al 2 novembre) riceverà il bonus bicicletta tramite rimborso con un bonifico;
  • chi, invece, non ha ancora acquistato il relativo bene o il servizio di mobilità, ma intende farlo, da oggi (3 novembre 2020) può ottenere il “buono mobilità” che consegnerà al negoziante, il quale sarà poi rimborsato dal Ministero.

Moltissimi utenti, in queste ore, stanno segnalando l’impossibilità ad ottenere il Bonus Bicicletta a causa dei problemi di accesso tramite il sistema Spid di Poste Italiane. Ecco cosa sta succedendo.

Bonus bicicletta, Spid di Poste Italiane in tilt

È quasi impossibile, almeno in queste ore, riuscire ad ottenere l’ormai famoso bonus bicicletta. Il principale indiziato di questo disservizio è il sistema di accesso tramite identità digitale (SPID) di poste italiane, il quale, da ieri, risulta praticamente irraggiungibile.

Il sistema pensato da ministero dell’Ambiente, se pur lento e macchinoso, è l’ultimo dei problemi.

Il sito, infatti, risulta relativamente stabile.

Non basta digitalizzare per avere una Pubblica Amministrazione funzionante

Il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, tramite un post sulla propria pagina facebook, ha dichiarato quanto segue:

“Nel pomeriggio ho sentito l’amministratore delegato di Sogei e quello di Poste, con i quali sono in continuo e costante contatto, per far affrontare con prontezza questi problemi”.

Lo stesso Ministro, ad ogni modo, rassicura gli utenti, consigliando loro di provare nei prossimi giorni: “Abbiamo risorse a sufficienza per tutti. Non serve fare corse”.

 

A dir poco perplesso è il Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani, Carlo Cottarelli. Il quale dalla sua bacheca facebook scrive che “non basta digitalizzare per avere una Pubblica Amministrazione funzionante. Bisogna farlo bene, con procedure semplici e ben pensate”.

Articoli correlati

Bonus bicicletta, è già possibile accede alla “sala di attesa virtuale” dove verrà assegnato un posto in coda

Biciclette e monopattini, le offerte di Unieuro, sconti fino al 26%

 

Argomenti: ,