Bonus Bebè 2020: in arrivo le istruzioni dell’Inps. Tutto quello che devi sapere

L’INPS comunica le istruzioni e le modalità per richiedere il cosiddetto “Bonus Bebè 2020”. Vediamo di cosa si tratta.

di , pubblicato il
L’INPS comunica le istruzioni e le modalità per richiedere il cosiddetto “Bonus Bebè 2020”. Vediamo di cosa si tratta.

Con la circolare n. 26 del 14 febbraio 2020, avente ad oggetto “Assegno di natalità di cui all’articolo 1, commi 340 e 341, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, pubblicata nella G.U. del 30 dicembre 2019, n. 304. Istruzioni contabili. Variazioni al piano dei conti”, l’Inps comunica le istruzioni da seguire per fare richiesta dl cosiddetto “Bonus bebè 2020”. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Bonus bebè 2020

Il Bonus bebè 2020, sostanzialmente, è un assegno di natalità, per tutti i nati del 2020, valido per 12 mesi ed erogato con importi differenti in rapporto all’ISEE familiare e al numero dei figli.

Gli importi annui della prestazione sono diversi in base alle fasce di ISEE, in particolare:

  • ISEE sotto i 7000 euro: 160 euro mensili;
  • ISEE tra 7000 e 40000 mila euro: 120 euro mensili;
  • ISEE oltre 40mila euro: 80 euro mensili.

Per il figlio successivo al primo, a questi importi, va aggiunta una maggiorazione del 20%.

La durata massima di erogazione dell’assegno è stabilita in 12 mensilità.

Chi può farne domanda?

La domanda per il bonus bebè 2020 può essere presentata da uno dei genitori entro 90 giorni dalla nascita, oppure dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare a seguito dell’adozione o dell’affidamento preadottivo avvenuti tra il 1° gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2020.

Il genitore richiedente deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Cittadinanza italiana, oppure di uno Stato dell’Unione europea oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • Residenza in Italia.
  • Obbligo di convivenza con il bambino.

In presenza di dichiarazioni non veritiere la prestazione sarà revocata e si procederà al recupero dell’indebito, fatte salve comunque le conseguenze di ordine giudiziario.

La domanda di assegno del bonus bebè 2020 deve essere inoltrata esclusivamente in via telematica una sola volta per ciascun figlio nato, adottato o in affidamento preadottivo, utilizzando il modulo “SR163”, che deve essere trasmesso, corredato da copia di un documento di identità in corso di validità.

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Argomenti: ,