Bonus assunzioni: conviene assumere nel 2015 o nel 2016?

Con la mini proroga agli sgravi assunzioni nel 2016, converrà assumere entro la fine del 2015 o aspettare il 2016?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Con la mini proroga agli sgravi assunzioni nel 2016, converrà assumere entro la fine del 2015 o aspettare il 2016?

Nella Legge di Stabilità 2016 è stata inserita la proroga alla decontribuzione per le nuove assunzioni a tempo indeterminato per tutto il 2016. L’esonero contributivo, quindi, si effettuerà anche per le assunzioni a tempo indeterminato del 2016, ma con un forte ridimensionamento sia sulla durata che sul massimale.   Il bonus, in sostanza, cui i datori di lavoro potranno accedere per tutti i nuovi assunti del 2016 sarà dimezzato, vediamo perché.   Innanzitutto si parla di una riduzione del tempo che passa da 3 a 2 anni per la durata dell’agevolazione. Dall’attuale massimale concesso, che ammonta a 8.060 euro, si dovrebbe passare ad un massimo concesso di 4.030. Per la maggior parte dei contratti, quindi non si tratterà di un esonero contributivo ma di uno sgravio parziale.   Ove possibile, quindi, ai datori di lavoro converrà anticipare le assunzioni entro la fine del 2015 potendo, in questo caso, fruire di un esonero dei contributi da versare per 3 anni e di un massimale di 8.060 per ogni neoassunto.   Nell’agevolazione rientrano le assunzioni con contratto a tempo indeterminato e in esse vanno considerate anche le stabilizzazioni, ovvero le trasformazioni di contratti di lavoro a termine e atipici.   Confermato anche per il 2016 il requisito richiesto nel 2015, i lavoratori non devono essere stati, nei sei mesi precedenti l’assunzione, occupati con un contratto a tempo indeterminato. Se un lavoratore ha fatto godere dello sgravio contributivo un datore di lavoro sarà possibile fruirne ancora, per un nuovo datore di lavoro, soltanto qualora abbia maturato il requisito dei sei mesi di assenza di contratto a tempo indeterminato.   La stabilizzazione agevolata, grazie anche alle novità che scatteranno nel 2016 riguardo le collaborazioni continuative, riguarderà anche le collaborazione effettuate a Partita Iva. Ma anche in questo caso il datore di lavoro dovrebbe farsi i suoi calcoli per capire se anche per la stabilizzazione di parasubordinati e partite Iva non convenga effettuare l’assunzione entro la fine del 2015.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Giustizia