Bonus adeguamento ambienti di lavoro: ecco come risparmiare tasse e contributi fino a domani

Entro domani è possibile utilizzare in F24 il credito d'imposta riconosciuto per l'adeguamento degli ambienti di lavoro

di , pubblicato il
Bonus Adeguamento ambienti di lavoro

C’è tempo fino a domani per utilizzare in compensazione in F24 il bonus per l’adeguamento degli ambienti di lavoro. Infatti, la norma istitutiva del bonus dispone che lo stesso è utilizzabile, dal 1° gennaio al 30 giugno 2021. L’utilizzo avviene in compensazione in F24. A tal fine va utilizzato il codice tributo “6918”.

Sempre fino a domani 30 giugno 2021, i soggetti aventi diritto al credito d’imposta possono optare per la cessione, anche parziale, del credito stesso ad altri soggetti, inclusi gli istituti di credito e altri intermediari finanziari. La cessione può essere comunicata tramite la Piattaforma Cessione Crediti dell’Agenzia delle entrate.

Il bonus per l’adeguamento degli ambienti di lavoro. un cenno

L’articolo 120 del D.L. 34/2020, Decreto rilancio, ha introdotto un credito d’imposta del 60% delle spese sostenute nel 2020, per un massimo di 80.000 euro. Sono agevolati gli interventi necessari per far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del virus Covid-19. I destinatari sono i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione in luoghi aperti al pubblico indicati nell’allegato 1 del menzionato decreto rilancio.

Il bonus spetta per le spese sostenute in relazione agli interventi necessari per far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del virus COVID-19. Ivi compresi quelli edilizi per il rifacimento di spogliatoi e mense, per la realizzazione di spazi medici, ingressi e spazi comuni e per l’acquisto di arredi di sicurezza. Sono agevolati anche gli investimenti in attività innovative, ivi compresi quelli necessari allo sviluppo o all’acquisto di strumenti e tecnologie per lo svolgimento dell’attività lavorativa e per l’acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura dei dipendenti e degli utenti.

Beneficiano del contributo i soggetti che hanno presentato apposita comunicazione all’Agenzia delle entrate.

La comunicazione poteva essere inviata dal 20 luglio 2020 al 31 maggio 2021. Nel caso in cui sia inviata dopo il 31 dicembre 2020, dovevano essere indicate esclusivamente le spese ammissibili sostenute nel 2020.

Bonus adeguamento ambienti di lavoro: compensazione in F24 fino a domani

Il bonus per l’adeguamento degli ambienti di lavoro è utilizzabile, dal 1° gennaio al 30 giugno 2021. L’utilizzo avviene in compensazione in F24. A tal fine va utilizzato il codice tributo “6918”.

La scadenza citata è prevista dal  già citato art.120, al comma 2:

Il credito d’imposta di cui al comma 1 e’ cumulabile con altre agevolazioni per le medesime spese, comunque nel limite dei costi sostenuti ed e’ utilizzabile dal 1° gennaio al 30 giugno 2021 esclusivamente in compensazione, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241. Non si applicano i limiti di cui all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Dunque, c’è  tempo fino a domani per utilizzare il credito in compensazione in F24 per pagare imposte e contributi.

Il bonus per adeguamento degli ambienti di lavoro deve essere indicato in dichiarazione dei redditi.

Entro domani anche la cessione del credito

Sempre fino a domani 30 giugno 2021 i soggetti aventi diritto al credito d’imposta possono optare per la cessione, anche parziale, del credito stesso ad altri soggetti terzi. Inclusi gli istituti di credito e altri intermediari finanziari. La cessione:

  • può riguardare esclusivamente la quota del credito relativa alle spese effettivamente sostenute,
  • nei limiti dell’importo fruibile.

Il soggetto beneficiario del credito può utilizzare la piattaforma cessione crediti per comunicare la cessione.

Argomenti: , ,