Bonus 800 euro di dicembre: nessun ritardo ma necessari controlli antifrode

Di fronte alle domande di “Bonus 800 euro” che non presentavano errori o documentazione mancante, il pagamento è avvenuto con puntualità.

di , pubblicato il
Di fronte alle domande di “Bonus 800 euro” che non presentavano errori o documentazione mancante, il pagamento è avvenuto con puntualità.

Sono già stati firmati bonifici per ben 94 milioni di euro del bonus 800 euro di dicembre per un totale di 117.308 beneficiari.

È quanto dichiarato da Sport e Salute attraverso un comunicato stampa del 12 dicembre 2020.

Nessun ritardo dunque. Come per le indennità dei mesi passati, la società ha provveduto ad erogare i bonus non appena le risorse dello Stato sono state ricevute.

Bonus 800 euro di dicembre

Il Bonus 800 euro per i lavoratori dello sport, sostanzialmente, è un’indennità pari, appunto, a 800 euro, una tantum, per il solo mese di dicembre.

Il bonus è destinato ai lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Coni, il Comitato Italiano Paralimpico, le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni e dal Cip, le società e associazioni sportive dilettantistiche.

Società che, a causa dell’emergenza Covid, hanno dovuto cessare, ridurre o sospendere la propria attività.

Per il resto, la nuova indennità ricalca quella già prevista dal primo decreto ristori per il mese di novembre.

Necessari controlli antifrode

Di fronte a domande che non presentavano errori o documentazione mancante, viene spiegato nel comunicato di Sport e Salute, il pagamento è avvenuto con puntualità.

Per i richiedenti che avevano fatto domanda di ristoro anche all’Inps, Sport e Salute, prima di procedere al pagamento, ha chiesto un doveroso parere all’Avvocatura dello Stato.

Per altri casi la Società sta chiedendo le integrazioni dovute.

Infine, su altre domande, sono in corso i necessari controlli antifrode.

Articoli correlati

Argomenti: ,