Bonus 600: 4 casi in cui dovrà essere restituito

In molti casi, il bonus 600 euro è stato erogato anche a chi, di fatto, non ne aveva diritto. Ecco chi dovrà restituire l’indennità.

di , pubblicato il
In molti casi, il bonus 600 euro è stato erogato anche a chi, di fatto, non ne aveva diritto. Ecco chi dovrà restituire l’indennità.

Il Decreto Cura Italia (il decreto del 17 marzo 2020) ha posto in essere una serie di misure volte al contenimento, quantomeno sul piano economico, dell’emergenza epidemiologica del Coronavirus, in modo da garantire liquidità alle famiglie e alle imprese.

Una delle misure più significative è il cosiddetto Bonus 600 euro, si tratta, sostanzialmente, di un’indennità di 600 euro esentasse per tutte le partite iva (autonomi e professionisti), ma anche collaboratori costretti al lockdown.

Per questioni d’urgenza, nel mese di aprile, pochi sono stati i controlli sulle richieste di bonus 600 euro da parte dell’Inps.

I controlli verranno sulle domande di Bonus 600 verranno fatti solamente ex post e chi non ne aveva diritto dovrà restituire l’intero importo. Ecco i casi in cui si dovrà restituire il bonus.

 

Bonus 600 euro, 4 incompatibilità

Chi dovrà restituire il Bonus 600 euro?

Sostanzialmente, sono 4 i casi in cui il percettore di bonus 600 euro dovrà restituire l’intero importo all’Inps, in particolare la restituzione riguarda:

  • Chi è iscritto ad un’altra forma previdenziale obbligatoria;
  • I titolari di pensione (eccetto per quella di invalidità o reversibilità);
  • I titolari di reddito di cittadinanza;
  • Altri casi specifici in cui i soggetti, al momento della richiesta, non avevano i requisiti d’accesso.

In tutti questi casi, come già detto, i soggetti percettori dovranno restituire all’Inps il bonus 600 euro.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

Argomenti: ,