Bonus 500 euro. Cobul: da novembre i primi voucher per internet, pc e tablet alle famiglie

Le famiglie che ne hanno diritto potranno cominciare a usufruire del bonus 500 euro computer tablet e internet già a partire dal mese di novembre.

di , pubblicato il
Le famiglie che ne hanno diritto potranno cominciare a usufruire del bonus 500 euro computer tablet e internet già a partire dal mese di novembre.

Durante il mese di novembre 2020 le famiglie che ne hanno diritto potranno cominciare a usufruire del bonus 500 euro per dotarsi di una connettività Internet veloce e di un personal computer o un tablet. È quanto ha deciso oggi il Comitato Banda ultra larga (Cobul), presieduto dalla Ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano.

Bonus 500 euro offerte degli operatori

Per ottenere il bonus 500 euro, il beneficiario dovrà interfacciarsi direttamente con l’operatore di telecomunicazioni, che partecipa all’iniziativa Voucher, utilizzando gli ordinari canali di vendita.

Ad ogni modo, quest’ultimi dovranno prima essere accreditati dalla stessa Infratel.

Per quanto riguarda la presentazione delle offerte degli operatori, secondo quanto riferisce la stessa Infratel:

All’esito della registrazione e della validazione da parte di Infratel Italia degli operatori interessati a partire dal 19 ottobre gli stessi potranno caricare sulla piattaforma le offerte associate al voucher così come previsto dal Manuale Operativo pubblicato il 2 ottobre scorso.

Da fine ottobre, dunque, i consumatori potranno accedere alle offerte presentate dagli operatori rivolgendosi direttamente agli stessi per riscattare il Voucher di Fase I.

Le famiglie che ne hanno diritto, secondo una recente nota del Comitato Banda ultra larga, potranno cominciare a usufruire del bonus 500 euro, per dotarsi di una connettività Internet veloce e di un personal computer o un tablet, già a partire dal mese di novembre.

Modulo per la richiesta del voucher

Per richiedere il voucher da 500 euro, gli utenti dovranno compilare e inviare agli operatori accreditati il modulo per la domanda di ammissione al contributo.

Il modulo non è nient’altro che una mera autocertificazione, con cui l’utente dichiara che:

  • nell’unità abitativa del nucleo familiare a cui appartiene non è attivo alcun servizio di connettività con velocità pari ad almeno 30 Mbit/s;
  • intende voler utilizzare il modem/router fornito dall’Operatore o, in alternativa, di voler acquistare/utilizzare modem/router di propria scelta;
  • il reddito ISEE del nucleo familiare a cui appartiene è inferiore a 20.000 euro.

Articoli correlati

Bonus 500 euro Pc e internet: conviene più Vodafone, Tim o WindTre?

Bonus 500 euro: Computer e Tablet dovranno avere delle specifiche tecniche minime. Ecco quali

Argomenti: ,