Bonus 200 euro, ultimissime: chi lo riceverà in automatico e chi deve fare domanda

Il "decreto Aiuti" prevede un contributo un tantum di 200 euro in favore di lavoratori dipendenti, pensionati e lavoratori autonomi

di , pubblicato il
Chi dovrebbe ricevere il bonus 200 euro a settembre anche senza proroga

Il “decreto Aiuti” prevede un bonus 200 euro una tantum in favore di lavoratori dipendenti, pensionati e lavoratori autonomi.

L’accredito non sarà automatico per tutti ma in alcuni casi bisognerà attendere specifiche indicazioni da parte del Ministero del Lavoro.

Proprio sulle modalità di riconoscimento del bonus, in redazione sono arrivati tantissimi quesiti.

Ecco cosa prevede l’ultima bozza del “decreto Aiuti” a nostra disposizione.

Il bonus 200 euro: a chi spetta dopo l’estensione

Il bonus 200 euro, sarà riconosciuto in favore di:

  • lavoratori dipendenti;
  • pensionati e
  • lavoratori autonomi.

Tra i lavoratori autonomi rientrano sia gli imprenditori individuali sia i professionisti.

Stando all’ultima bozza del “decreto aiuti in nostro possesso,  il bonus 200 euro spetterà anche ai percettori del Reddito di cittadinanza; ai lavoratori stagionali, nonchè ai percettori dell’indennità di disoccupazione (NASpI e DIS-COLL) . Infatti, il testo cita espressamente le prestazioni previste dagli articoli 1 e 15 del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22.

Riconoscimento automatico o tramite domanda

L’accredito non sarà automatico per tutti ma in alcuni casi bisognerà attendere specifiche indicazioni da parte del Ministero del Lavoro.

I lavoratori dipendenti riceveranno il bonus 200 euro direttamente in busta paga. Il bonus spetterà a coloro che presentano un reddito 2021 non superiore a 35.000 euro.

Nel decreto è specificato che:

  • per i lavoratori dipendenti, il bonus 200 euro è riconosciuto con lo stipendio di luglio 2022;
  • per i pensionati, a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, titolari di pensione o assegno sociale nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione,  è corrisposto d’ufficio con la mensilità di luglio 2022.

Il datore di lavoro riconoscerà il bonus in via automatica e verificherà in sede di conguaglio la spettanza dello stesso. Dunque l’effettiva spettanza è verificata ex post. Come avviene per il c.d. bonus Irpef, ex bonus Renzi.

Da qui, potrà accadere che il bonus dovrà essere restituito se si supera la soglia reddituale prevista dalla norma.

Indicazioni per i lavoratori autonomi

Particolari indicazioni sono previste per i lavoratori autonomi.

Infatti, il bonus 200 euro sarà riconosciuto grazie all’istituzione di un apposito fondo nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Il bonus di 200 euro spetterà  ai lavoratori autonomi e ai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali INPS e ai professionisti iscritti alle casse private. Ai fini del bonus è richiesto un reddito complessivo 2021 non superiore a 35.000 euro.

Sarà necessario attendere uno o più decreti del del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, per conoscere: i criteri e le modalità per la concessione dell’indennità una tantum e i relativi criteri di ripartizione.

Argomenti: ,