Bonus 110, il credito non può essere usato per le cartelle in rottamazione: restano tre metodi di pagamento

Il credito d'imposta spettante per il bonus 110 non può essere usato in compensazione da chi ha debiti in rottamazione

di , pubblicato il
Il credito d'imposta spettante per il bonus 110 non può essere usato in compensazione da chi ha debiti in rottamazione

Con circolare n.25/E del 20 agosto, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il credito di imposta derivante dal bonus 110 non può essere usato in compensazione per il pagamento delle cartelle per i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione ter. I debiti inerenti alla pace fiscale restano esclusi da questa possibilità di pagamento. Nella stessa circolare multiquesito sopra citata sono esplicitati alcuni altri importanti chiarimenti in merito al super bonus 110% e alle agevolazioni ad esso correlate. Gran parte dei dubbi sul bonus 100 riguardano proprio lo sconto in fattura e la cessione del credito, che conferiscono subito il credito monetizzandolo. Questo aspetto viene approfondito nel punto 3.1.1. della circolare.

Non si possono pagare i debiti rottamati con il credito derivante dal bonus 110

Esclusa la possibilità di saldare i debiti fiscali oggetto di rottamazione con il credito di imposta del bonus 110, restano le tre modalità standard, sulle quali l’Agenzia delle Entrate non ha mostrato flessibilità.

 

Il pagamento delle cartelle Equitalia può essere perfezionato:

  • con addebito sul conto corrente sull’iban specificato nella domanda di accesso alla rottamazione delle cartelle;
  • utilizzando bollettini preimpostati allegati dall’AdE;
  • recandosi presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Non ci sono deroghe ammesse a questi tre metodi.

Argomenti: , ,