Bonifico stipendio: il conto può essere intestato ad un terzo?

Accredito bonifico stipendio: si può chiedere sul conto intestato alla moglie? Quali sono gli effetti sul pignoramento?

Alessandra De Angelis

bonifico-stipendio

Il lavoratore può chiedere che lo stipendio sia versato su un conto non intestato a lui ma, ad esempio, alla moglie? E’ un caso che può verificarsi ad esempio se il lavoratore teme che il conto possa essere pignorato e quindi chieda di far accreditare lo stipendio alla moglie. Se vige accordo tra le parti questa è una possibilità e difficilmente il datore di lavoro trova motivo di rifiutare visto che la cosa non prevede costi aggiuntivi.

E’ poi bene sapere una cosa, se il caso è quello sopra descritto: l’accredito del bonifico su conto di terzi non mette al riparo dai diritti e dalle pretese del creditore per quanto riguarda un quinto dello stipendio in caso di pignoramento presso l’azienda. In questo caso il datore di lavoro sarebbe infatti tenuto a trattenere un quinto della busta paga prima di versarla al beneficiario a favore del creditore. Con la nuova normativa infatti in questo senso non ci sono più differenze tra pignoramento presso la banca e presso l’azienda.

Per approfondire leggi anche:

Si può sfuggire al pignoramento del conto aprendone un altro?

Pignoramento conto, come difenderlo da Equitalia

Pignoramento conto, come mettersi al riparo dai creditori

Argomenti:   Pignoramento

Commenta la notizia




SULLO STESSO TEMA

Send this to friend