Bollo auto con legge 104 articolo 3 comma 1 (facciamo chiarezza)

Bollo auto e legge 104 articolo 3 comma 1, quando è possibile chiedere l'esenzione bollo auto, la particolare dicitura che deve avere il verbale.

di , pubblicato il
Bollo auto

Bollo auto e legge 104 articolo 3 comma 1, molti i quesiti arrivati in redazione su come avere l’esenzione, in quest’articolo analizzeremo i quesiti dei lettori, in virtù del cambiamento della norma, analizzeremo nel dettaglio quando è possibile chiedere l’esenzione.

Agevolazioni fiscali disabili con legge 104

Le persone con disabilità sono tutelate e hanno diritto a fruire di numerose agevolazioni. E’ necessario che il disabile sia affetto da handicap grave secondo la legge 104 art. 3 comma 3, inoltre l’handicap deve essere riportato in modo chiaro sul verbale di disabilità.

Le agevolazioni fiscali disabili per l’acquisto auto prevedono una detrazione del 19% sul costo del veicolo, acquisto con iva agevolata al 4% , esenzione bollo auto ed esenzione dell’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà.

Possono fruire delle agevolazioni i disabili con patologie non vedenti e sordi; i disabili che hanno un handicap grave (psichico o mentale) e percepiscono l’indennità di accompagnamento; i disabili con handicap grave e con amputazioni o grande difficoltà nella deambulazione; i disabili affetti da difficoltà motorie.

Consigliamo di leggere l’articolo: Bollo auto 2018 e legge 104, art. 3 comma 3 e art. 3 comma 1 (facciamo chiarezza)

Risposta ad alcuni quesiti

1) Buonasera ho visto un vs significativo articolo on line che verteva sull’argomento: Bollo auto 2018, agevolazioni per invalidi e legge 104, chi ne ha diritto e come fare richiesta. 

Mi perdoni se approfitto del suo tempo, per spiegare brevemente la mia situazione. Mio figlio ha 5 anni ed è stato visitato da commissione medica dell’Ats a cui è stato diagnosticato un ritardo psicomotorio in data 2016. In pratica abbiamo una dichiarazione Ats che attesta che mio figlio ha invalidità di cui alla legge 104 art. 3 comma 1. Grazie.

Nel verbale viene specificato il diritto ai benefici fiscali, se riporta la dicitura “sono riconosciuti i benefici di cui all’ art 4 del 9 febbraio 2012“, lei ha diritto a tutte le agevolazioni auto ai fini fiscali, compreso il bollo auto per le persone con disabilità.

2) Gentile Sig.ra, le scrivo dopo aver letto su internet un articolo sulle agevolazioni e esenzioni del pagamento del bollo per soggetti disabili.
Sono disabile dalla nascita, con invalidità del 68% con la dicitura limitate o impedite capacità motoria agli arti inferiori, riconosciuto persona con handicap legge 104 (senza gravità). Sono possessore di patente cat b senza limitazioni o uso di comandi speciali, volevo chiedereLe, secondo lei posso richiedere anche io tale agevolazioni? Ringraziandola per una sua eventuale risposta porgo distinti saluti.

La normativa vigente che il verbale deve riportare la dicitura “sono riconosciuti i benefici di cui all’ art 4 del 9 febbraio 2012“, se invece riporta la  dicitura “non sono riconosciuti i benefici di cui all’ art 4 del 9 febbraio 2012“, significa che non si può accedere alle agevolazioni auto ai fini fiscali per le persone con disabilità.

Per maggiori informazioni sull’argomento, rimandiamo all’articolo: Agevolazioni acquisto auto Legge 104 in mancanza dell’art. 4 D.L. 5 febbraio 1962, se ne ha diritto?

3) Buonasera sono una dipendente ASL ho un invalidità 75% e la 104 comma 1 articolo 3 volevo chiedere se ho diritto e 30 giorni all’anno per varie visite durante l’arco dell’anno se ho diritto a non pagare il bollo auto e qua dovrei pagare di tasse su un reddito 730.

Per il bollo auto, deve controllare il verbale se riporta la dicitura sopra menzionata, se riporta questa dicitura può farne richiesta. In riferimento ai permessi legge 104, l’art. 33 della legge 104/92 prevede che il lavoratore con disabilità, con rapporto di lavoro dipendente nel settore pubblico o privato, anche se il contratto è a tempo determinato, che si trovi in una situazione di gravità, ai sensi della legge 104 art.3, comma 3, può fruire dei permessi dei tre giorni retribuiti mensili.

Per maggiori informazioni, consigliamo di leggere l’articolo: Permessi legge 104 è possibile fruirne con l’art. 3 comma 1

Argomenti: , ,