Bollo auto con legge 104: c’è un reddito da rispettare

Esenzione bollo auto con legge 104 per familiare disabile, non sempre è possibile ci sono dei limiti di reddito da rispettare: ecco quali.

di , pubblicato il
bollo auto

Gentile signora, sono la mamma di un ragazzo invalido al 100% da quando gli è stata riconosciuta l’invalidità’  abbiamo avuto l’esenzione pagamento bollo auto con la legge 104. Quasi 5 anni fa è deceduto mio marito e al ragazzo è stata data una pensione di reversibilità di 300 euro nette mensili, io sono andata all’ agenzia delle entrate dopo aver fatto il passaggio dell’auto da mio marito a me è stata tolta questa agevolazione perché mi hanno detto che il ragazzo risulta avere un reddito (euro 300×12 mesi).

Esenzione bollo auto per il familiare disabile

La normativa prevede che l’esenzione del bollo auto spetta sia quando il veicolo è intestato al disabile che quando è intestato al familiare che ha il disabile a carico fiscalmente.

Il familiare è considerato a carico fiscalmente, quando il suo reddito non supera euro 2.840,51.

Alcune prestazioni sono escluse da questo limite e sono i redditi esenti: indennità di accompagnamento; pensioni sociali; assegni erogati per invalidità civili, ecc.

Esenzione permanente

L’esenzione dal pagamento del bollo auto è permanente, la domanda va fatta una sola volta non c’è bisogno di rifare domanda ogni anno. Se le condizioni mutano bisogna fare comunicazione immediata all’ente a cui si era fatta domanda di esenzione.

Conclusione

Nel caso specifico, suo figlio supera il reddito di euro 2.840,51, quindi non è fiscalmente a carico e lei non può ottenere l’esenzione del bollo auto destinata ai disabili.

Leggi anche: Bollo auto e figlio con legge 104, è possibile avere l’esenzione? | La Redazione risponde

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,