Bollettino delle entrate tributarie internazionali, nel 2020 si è registrato un calo generalizzato

Nel 2020 tutti i Paesi hanno subito una diminuzione delle entrate tributarie rispetto all’anno precedente.

di , pubblicato il
Nel 2020 tutti i Paesi hanno subito una diminuzione delle entrate tributarie rispetto all’anno precedente.

Il dipartimento delle finanze ha appena pubblicato il cosiddetto Bollettino delle entrate tributarie internazionali relativo all’anno 2020.

Come facilmente intuibile, nel complesso, nel 2020 tutti i Paesi hanno subito una diminuzione delle entrate tributarie rispetto all’anno precedente, con una diminuzione che va dal -3,6% dell’Irlanda al -9% della Francia. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Bollettino delle Entrate Tributarie Internazionali, di cosa si tratta?

Il “Bollettino delle Entrate Tributarie Internazionali” contiene un’analisi comparata dell’andamento delle entrate tributarie dei principali paesi europei.

La fonte delle informazioni è la serie di bollettini mensili pubblicati sui siti istituzionali delle Amministrazioni competenti dei paesi europei oggetto di analisi. Per questo motivo, tali dati sono disomogenei da paese a paese.

Il report in questione fornisce, sostanzialmente, “informazioni sui tassi tendenziali di variazione delle entrate tributarie, in un arco temporale omogeneo per ciascun paese oggetto di analisi”.

Entrate tributarie: analisi Paese per Paese

Come già detto in apertura, secondo il report pubblicato in questi giorni dal ministero dell’Economia e delle Finanze, nel 2020 tutti i Paesi hanno subito una diminuzione delle entrate tributarie rispetto all’anno precedente, in particolare:

  • in Irlanda, che risulta il Paese meno penalizzato, il gettito tributario è diminuito del 3,6%;
  • la Francia, invece, registra la peggiore variazione tendenziale (-9,0);
  • in Spagna si osserva una flessione negativa paria al 8,8%);
  • nel Regno Unito si è registrato un calo tendenziale del 7,8%;
  • la Germania mostra una variazione tendenziale di segno negativo del 7,3%);
  • in Portogallo si registra una variazione tendenziale negativa (-6,2%), lo scorso anno aveva rea- lizzato un +3,8% rispetto al 2018;
  • infine, anche in Italia il gettito tributario mostra un decremento rispetto allo stesso periodo del 2019 (- 5,3%).

Guide e articoli correlati

Argomenti: ,