Bollette: il bonus di Draghi non basta, stangata sempre più vicina

L'eliminazione degli oneri di sistema non risolve il problema. I rialzi prospettati dal governo sono decisamente più alti.

di , pubblicato il
bollette-luce

Il governo sta discutendo un nuovo decreto che consentirà di mitigare gli aumenti delle bollette.

La misura, già ribattezzata bonus bollette, permetterà l’eliminazione, per l’ultimo trimestre dell’anno, degli oneri di sistema del gas e dell’elettricità per famiglie e piccole imprese. Lo ha afferma di recente il premier Mario Draghi, Intervenuto all’assemblea di Confindustria.

Il problema è che cancellare gli oneri di sistema non è sufficiente ad eliminare il problema dei rincari. I rialzi previsti sono decisamente superiori. Di recente, ne ha parlato anche l’Unione Nazionale Consumatori. Ecco cosa sta succedendo.

Bollette: gli interventi del governo non basteranno. Stangata sempre più vicina

L’eliminazione degli oneri di sistema, seppur auspicata, non è risolutiva. I rialzi prospettati dal governo (tra il 40% e il 30% del prezzo complessivo della bolletta), sono decisamente più alti, è quanto appena dichiarato da Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Per una famiglia tipo, considerato i dati del secondo trimestre 2021, prima cioè del taglio da 1,2 miliardi avvenuto a giugno, l’annullamento totale degli oneri implicherebbe, su una bolletta media per la luce pari a 562 euro (non riferita all’anno scorrevole), una riduzione pari a 113 euro, a fronte, però, di un aumento teorico (quello prospettato da Draghi del 40% sul prezzo complessivo della luce) di 225 euro. Insomma, la bolletta salirebbe, comunque, su base annua, di 112 euro (28 euro su base trimestrale, a fronte di consumi equivalenti in ogni trimestre). Una stangata non da poco”

Stesso discorso, ovviamente, vale anche per la bolletta del gas.

“Insomma, conclude Vignola, se davvero gli aumenti sono di quella portata, sarebbe comunque astronomico. Per questo bisogna intervenire anche su accise, addizionali regionali e Iva”,

 

Articoli correlati

Argomenti: ,